Decimata dagli infortuni, Unieuro ko a testa alta: la Supercoppa va a Scafati

La squadra di coach Sandro Dell'Agnello ha dato il tutto per tutto, perdendo a testa alta sotto i colpi di Thomas, Culpepper e dell'ex Benvenuti col punteggio di 69-78

Un primo quarto da dimenticare condanna l'Unieuro Forlì al ko nella finalissima di Supercoppa del Centenario contro Scafati. Orfana di Davide Bruttini, Jacopo Giachetti e Terrence Roderick all'ultimo dopo l'infortunio subìto nel finale contro Torino, la squadra di coach Sandro Dell'Agnello ha dato il tutto per tutto, perdendo a testa alta sotto i colpi di Thomas, Culpepper e dell'ex Benvenuti col punteggio di 69-78. Con la bilancia dei favoriti dalla parte della squadra di Alessandro Finelli, i biancorossi hanno cercato di sovvertire il pronostico, giocando col cuore e cercando di far dimenticare le pesantissime assenze.

Dopo l'accelerata dei campani nel primo quarto, Forlì non si è arresa, contando sull'esperienza di Aristide Landi (17 punti, col 33% da due e 38% da tre), l'esperienza di Erik Rush (12 punti), le fiammate di Riccardo Bolpin (12 punti) ed i lampi di Yancarlos Rodriguez (17 punti). L'Unieuro, messa all'angolo, è stata costretta a forzare dalla distanza e questo spiega il 34% dai 6.75, frutto di un 11 su 32.

Nonostante le difficoltà ed una serata poco felice sul pitturato (38% e 57% dalla lunetta), è arrivata persino a riaccendere il match ad inizio dell'ultimo quarto portandosi sul -5, ma la panchina più lunga a disposizione di coach Finelli si è rilevata decisiva per le sorti del match. Forlì esce da questa Supercoppa a testa alta e con tante certezze: ha dimostrato di essere una squadra compatta. Luca Campori è stato premiato come il miglior under 21 della competizione, mentre Rodriguez come il miglior realizzatore da tre.

La partita

Anche Roderick dà forfait all’ultimo, e si aggiunge alla lista degli indisponibili Giachetti e Bruttini, con Landi e Bolpin a disposizione ma reduci da tre settimane di isolamento. Dell’Agnello parte con Rodriguez, Campori, Rush, Natali e Dilas. Primo quarto con i biancorossi poco precisi (3 su 6 da due e 0 su 3 da tre) e Scafati avanti 6-18 a 2'10 dalla fine con gli ex Benvenuti, Culpepper e Sergio sugli scudi. La mira dai 6.75 di Forlì è da dimenticare (0/6), Scafati invece graffia e a 47 secondi dalla fine fissa il massimo vantaggio di 18 punti (8-26). A 4 secondi dalla fine Musso mette il sigillo ad un primo quarto quasi perfetto della squadra di Finelli con la tripla dell'8-29 e il 68.8% al tiro contro il 26.7% dei biancorossi.

L'inizio dei secondi dieci minuti è punto a punto, con un parziale di 8 a 4 per l'Unieuro dopo due giri di cronometro. E' Landi a prendersi la prima tripla biancorossa per il parziale di 16-33. La squadra di coach Dell'Agnello cambia l'inerzia con Landi e Bolpin, aumenta i recuperi e la precisione al tiro, e si porta a -11 (24-35). Ma non appena rientra in campo l'ex Ravenna Thomas, Scafati accelera con un gioco da 3+1 per il 23-39. Forli si aggrappa ai lampi di Rodriguez, che infila due triple di fila per il 31-43. Un parziale di 8-0 segna il nuovo allungo dei campani (33-50), interrotto dal solito Landi con una tripla e da un difficile canestro sullo scadere che fissa il parziale sul 38-50.

Palle perse ed errori al tiro, complice la buona difesa dei biancorossi, macchiano l'inizio di terzo quarto di Scafati. Rush, Rodriguez e Bolpin accendono la fiamma della speranza infilando tre triple consecutive per il -5 (47-52). Sei punti di Benvenuti e Thomas su assist di Culpepper sanciscono il momentaneo +11. Forli forza dai 6.75 e con un tiro folle di Rodriguez torna a -8. Thomas si carica di quattro falli a 1'24, Finelli lo preserva per il finale (Natali fa 1/2). Bolpin a 40 secondi fissa il -5, ma Culpepper brucia la retina con la tripla del +8 Scafati (55-63).

L'ultimo quarto inizia con due triple per parte, con Musso a rispondere a Bolpin. E la tripla di Rossato riporta Scafati a +11. Landi e Campori con due bombe accorciano (68-75), ma Culpepper riallunga a +9. Forlì prova a giocarsela punto a punto, ma la Supercoppa prende la direzione di Scafati.  Finisce 69-78, ma ci sono solo tanti applausi per questa squadra, che ha dimostrato carattere, determinazione e talento. L'Unieuro porta a casa anche due premi individuali: Campori vince il premio “Under 21 Adidas”, e Rodriguez vince il premio “Bomber Caffè”, che va al giocatore che ha segnato più canestri da tre punti nella partita.

Tabellino

Unieuro Forlì – Givova Scafati 69-78 (8-29; 38-50; 55-63)

Unieuro Forlì: Natali 1, Rodriguez 17, Roderick NE, Landi 17, Dilas 2, Campori 5, Zambianchi, Babacar 3, Rush 12, Bolpin 12, Giachetti NE, Bandini. All: Dell’Agnello.

Givova Scafati: Culpepper 16, Musso 10, Marino, Festinese NE, Thomas 18, Sabatino, Rossato 7, Sergio 3, Benvenuti 17, Cucci 7. All: Finelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

Torna su
ForlìToday è in caricamento