Due "Mocciosette" ai trials per la Nazionale italiana di rugby a 15

Il Rugby Forlì 1979 si conferma punto di riferimento per il rugby femminile italiano: altre due ragazze convocate ai trials della nazionale Italiana di fine settembre. Nella foto Silvia Scozzoli.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Nel gruppo di 30 atlete che cercano la strada per vestire la maglia azzurra della nazionale ci sono anche le due atlete del Rugby Forlì 1979 Silvia Stoppa (1992) e Silvia Scozzoli (1995). Le atlete, selezionate per i trials di categoria, fanno parte di un gruppo di ragazze non ancora visionate dai tecnici federali e cercheranno nei tre giorni di allenamento all'Acqua Acetosa di Roma, di convincere i selezionatori nazionali a prenderle in considerazione per il futuro. Le due atlete si uniscono al già nutrito numero di compagne di squadra più giovani che già sono entrate nel "Progetto Minerva" della Federazione Italiana Rugby, che consiste nel selezionare le migliori atlete italiane del settore giovanile giudicate adatte per il "Rugby a 7 giocatori" (specialità olimpica estremamente veloce e spettacolare) ed avviarle ad un percorso a lunga scadenza che culmini con un'eventuale chiamata nella Nazionale Azzurra di Rugby a 7 femminile per le Olimpiadi di Rio. La chiamata delle due nuove ragazze forlivesi è un ulteriore premio alla qualità del lavoro che il Rugby Forlì 1979 sta facendo, fià da alcuni anni, nel settore femminile.

Le ragazze dovranno essere a Roma venerdì pomeriggio dove sosterranno un primo allenamento in campo ed una seduta tecnica in aula la sera. Nella giornata di sabato gli allenamenti saranno due, seguiti sempre dalla riunione tecnica, mentre domenica mattina verrà disputata l'ultima sessione di fatiche in campo prima del rompete-le-righe fissato subito dopo pranzo. Il tecnico Marco Zuccherelli, anche lui inserito nei quadri federali come responsabile dell'Emilia Romagna, sarà con loro.
Torna su
ForlìToday è in caricamento