Sport

Forlì con la rosa ridotta all'osso, ma la capolista Aglianese non passa

Partita divertente e ben giocata da entrambe le squadre,  fatto sta che nessuna delle due è riuscita a prevalere sull'altra ma con i galletti che posso recriminare per le occasioni sciupate e per alcune decisioni arbitrali discutibili

Il big match della della ventunesima giornata del campionato nazionale Dilettanti tra Forlì e la capolista Aglianese finisce con un classico 0 a 0. Partita divertente e ben giocata da entrambe le squadre,  fatto sta che nessuna delle due è riuscita a prevalere sull'altra ma con i galletti che posso recriminare per le occasioni sciupate e per alcune decisioni arbitrali discutibili. Mister Angelini con la rosa ridotta all'osso mette in campo ben sette under con De Gori in porta, linea di difesa giovane ma granitica con Croci, Sedioli,  Giacobbi e Marzocchi,  centrocampo nelle mani di Ballardini Elia, Gigliotti, Piva e Gkertsos,  in attacco tutto il talento Ferrari e Pera.

Partita subito viva e giocata con grande intensità da entrambe le squadre con il Forlì più guardingo e pronto a ripartire e una Aglianese alta alla ricerca della giocata vincente. La prima conclusione dell'incontro è di marca biancorossa al 7° con Pera che dai venti metri arma il destro e calcia ma Carcani blocca. Non tarda molto a carburare l'Aglianese e al 10° Bellazzini trova  lo spazio per servire Bangu al centro dell'area ma il tiro è ciabattato con De Gori che non corre pericoli. Al quarto proteste Forlì per l'ennesimo rigore abbastanza evidente non concesso nell'arco del campionato: Gigliotti in area viene contrastato in maniera fallosa da Kouko che lo atterra ma nè arbitro nè guardalinee a pochi passi ravvisano nulla lasciando correre tra le proteste. I neroverdi però sono una formazione esperta ed attrezzata e vanno anch'essi vicini al vantaggio prima con Brega al 19° che di testa non inquadra lo specchio e al 24° con Amedeo Ballardini che vede la sua conclusione deviata in corner.

> Le pagelle di Matteo Tartaretti

È un crescendo degli ospiti che prendono campo chiudendo la prima frazione in attacco e sciupando altre due buone occasioni entrambe con Kouko: la prima al 35° con l'attaccante Ivoriano che sul filo del fuorigioco salta De Gori allargandosi però il pallone, permettendo al portiere biancorosso di rientrare in porta e poi al 37° con un tiro potente che lambisce il palo. La ripresa non cambia con le due squadre determinate a fare bottino pieno offrendo una partita maschia senza esclusione di colpi; il primo però a farne le spese è Bianchi che viene espulso per doppia ammonizione lasciando così la squadra ospite in inferiorità numerica.

Il Forlì ci crede e spinge forte sull'acceleratore creando pericoli in serie: ci prova Ferrari due volte al 61° e al 63° con poca fortuna; la stessa che non assiste il bomber biancorosso al 75° che si vede annullare l'ennesima rete del suo campionato per un off side inesistente e che avrebbe sbloccato il match. Angelini le tenta tutte inserendo le bocche da fuoco come Tortori e Longobardi e ancora una volta l'Aglianese trema ma si salva perché al 79°   Gigliotti inventa per Tortori che da dentro l'area calcia a botta sicura ma la palla sbatte sulla traversa,  rimbalza sulla linea ed esce tra l'incredulità di tutti. L'ultima emozione è ancora di marca biancorossa questa volta con Croci che pennella per la testa di Pera ma il suo colpo di testa finisce a lato di un soffio, spegnendo di fatto le speranze dei galletti di fare bottino pieno e sancendo così il definitivo 0 a 0.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forlì con la rosa ridotta all'osso, ma la capolista Aglianese non passa

ForlìToday è in caricamento