menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Joe Trapani: buon match fino al drammatico finale

Joe Trapani: buon match fino al drammatico finale

Fulgor, come buttare via una vittoria: vince Ostuni allo scadere 68-67

Incredibile finale a Brindisi: sempre davanti, i biancorossi si fanno recuperare cinque punti negli ultimi 24" gettando nel pantano il più prezioso dei successi. Prima imputata, stavolta, la gestione tecnica del finale.

Neppure quando il vento soffia – e  soffia forte – a favore, Forlì riesce a portare a casa la sua prima, sospirata, vittoria esterna. Vero che la FulgorLibertas era scesa a Brindisi per l'anticipo contro  Ostuni, senza l'atteso rinforzo in area e con il duo Casoli-Lestini dato per infortunato, ma per come s'è dipanato il match lungo i 40' tra Domotecnica e MarcoPolo, il successo era cosa quasi certa per i romagnoli. Testa avanti per 38' (anche di 12 lunghezze) grazie alle buone prove di Huff e Wanamaker, i romagnoli sono arrivati a 24” dal gong sul +5 (62-67 dopo un 2 su 2 dalla lunetta di Trapani) poi si sono eclissati nel mare torbido delle indecisioni tecniche.

Fatali, in particolare, la scelta di non far mai fallo sugli ostunesi, bravi - loro sì... - a realizzare con Carenza il -2 e a punire poi ancora dalla distanza con Berti un sanguinoso fallo offensivo di Trapani. Un break di 5-0 in 20” che ha rispedito Forlì a casa con le fatidiche pive nel sacco.

SONDAGGIO: LA FULGOR CE LA FARA'?

Primo quartoCasoli subito in quintetto svela la pretattica di Vucinic che in anteprima di gara aveva dichiarato indisponibili il centrone italiano e Lestini. Entrambi invece fanno capolino in campo già nel primo tempo. Scambi d'avvio sono pro Forlì che mostra i canini, partendo molto bene, con la grinta giusta. Dopo 5' è break di 0-10 (con 4 punti di Wanamaker e 5 di Trapani) che vale il 4-13. Un antisportivo su Austin Freeman di Johnson a 6'30” e un fallo su Joe Trapani, spingono Forlì (positivissima in difesa con la zona e a rimbalzo) al nuovo massimo vantaggio: +11, 6-17, al 7'. Ostuni, con Rinaldi e Diliegro nel pitturato, non riesce a sfruttare la debolezza romagnola sotto il cesto e la FulgorLibertas resta in grasso vantaggio: 11-19, 9'. L'Assi tenta di limare il gap con Jurevicus che rimane però importante, anche al 10', toccato sul 13-19.

Secondo quarto – In apertura di periodo Mambu Freeman griffa il nuovo +10 (13-23, 11') ma la difesa molle (è palese la sofferenza forlivese a contenere i pari se schierata a uomo) e l'attacco privo del solito solido apporto di Huff, ben contenuto dai mastini di Ostuni, consentono al Koblucar di riavviare il motore Domotecnica: al 13' è 20-25. Proprio il finnico biancorosso rimette i romagnoli in carreggiata, bastonando la pochezza dei locali dall'arco e ai liberi: al 18' è +10, 23-33. Uno scambio di cortesie con fallo su Diliegro e tecnico alla panchina ostunese mantiene i pesi in campo (27-35, 19') finché due cesti consecutivi di uno Shawn Huff sempre più “mentalizzato” fanno toccare, proprio allo scadere di tempo, il nuovo +10 romagnolo: 29-39.

Terzo quarto – Le cose migliori i romagnoli le mostrano a inizio ripresa. Da applausi, anzitutto, l'azione del +12: stoppata di Freeman che poi serve un bell'assist a Wanamaker per uno schiaccione che vale il 29-41 del 22'. Sarebbe il momento per infierire su un'Ostuni in evidente confusione con Klobucar e Rinaldi fuori sincrono ma così non è, e mentre i ragazzi di Marcelletti sparacchiano, Forlì non fa meglio. La prima tripla della serata di Freeman consente comunque di mantenere i biancorossi a +12, 34-46, 27'30”. A questo punto Johnson comincia a carburare e quasi da solo, a suon di penetrazioni, porta Ostuni sotto quota decina: 41-50, 30'.

Quarto quarto – L'equilibrio di fine III periodo si riflette, decuplicato, sugli ultimi 10' di gara. Diliegro apre le danze (44-50, 31'), seguito a ruota da Johnson le cui doti esplosività sono esaltate dalle morbide difese a uomo biancorosse. Il 5° fallo Casoli apre praterie in area ma la risposta agli arrembaggi gialloneri arriva comunque, da Brad Wanamaker: sua la tripla del 50-57 (34'). Fallo e cesto sul tiro da 3 di Huff fanno che schizzare nuovamente la Fulgor avanti (52-61, 36') ma ancora Johnson sfrutta al massimo tutte le sue potenzialità in entrata, poggiando al cesto 4 punti che valgono il -3, 58-61 (37'30”). A 1' Carenza stoppato da Borsato poi l'errore di Jurevicus regalano alla MarcoPolo un mini tesoro per il rush finale: +5, 60-65, 39'. Forlì non è però buon economo e nonostante il divario sia sostanzioso ancora a 24” dalla sirena grazie a un 2su2 dalla lunetta di Trapani (62-67) il ribaltone è dietro l'angolo. A materializzarlo il “panchinaro” Carenza che indisturbato l'insacca dalla distanza (65-67). Rimessa dal fondo, palla a Joe Trapani che spinge via Jurevicus commettendo fallo di sfondamento. La palla torna a Ostuni che pesca libero in angolo, pure lui indisturbato, Berti che dalla distanza trancia di netto le gambe a Forlì. Sul 68-67 Wanamaker avrebbe 4 secondi d gestire ma s'impasta contro il muro ostunese sancendo la più dolorosa sconfitta dell'anno.

DOMOTECNICA OSTUNI – Sirakov ne, Klobucar 11, Jurevicus 7, Diliegro 10, Basei 5, Margio ne, Rinaldi 3, Carenza 5, Rossetti 3, Johnson 22, Berti 5. All. Francesco Marcelletti

MARCOPOLOSHOP - Wanamaker 15, Freeman 18, Huff 11, Tapani 13, Casoli 6, Borsato 2, Lestini, Natal 2, Bianchi ne, Basile ne. All. Nenad Vucinic.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento