menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Serata di super lavoro per Austin Freeman

Serata di super lavoro per Austin Freeman

Basket, Fulgor contro Pistoia a scartamento ridotto

Il nulla osta dagli Usa non è ancora arrivato: niente esordio per Brad Wanamaker nella gara con Pistoia dell'ex Bobby Jones di mercoledì sera

Sarà una Fulgor doppiamente “zoppa” quella che se la vedrà mercoledì sera (palla a due alle 20:45) con la capolista Tosi Group Pistoia: senza centro titolare e senza lo statunitense Bradley Wanamaker. Il neo play biancorosso, infatti, presentato in un'affollatissima conferenza stampa lunedì sera, non ha ancora ottenuto il necessario nulla osta dagli USA per cui potrà esser dei giochi forse contro Reggio Emilia domenica prossima. Una mancanza di non poco conto viste le qualità di “fluidificante” dell'ex giocatore di Pittsburgh e Teramo che avrebbero permesso forse di tamponare l'emorragia di gioco sotto il cesto dove il solo terzetto Casoli-Lestini-Trapani (unitamente al jolly, Huff) se la dovranno vedere con degli assi come Galanda e Jones. Per Vucinic il quintetto sarà forzatamente formato da Borsato, Freeman, Trapani, Huff, Casoli. In panca Marino e Lestini (non al top fisicamente) dovranno guadagnarsi minuti utili per la squadra e per sé date le insistenti voci di mercato sul loro conto. Rumori o spifferi che non si placano sul conto di Austin Freeman: dopo Teramo la guardia romagnola è affiancata a Montegranaro. Il tutto, alla luce delle rassicurazioni della società, parrebbe abbastanza aleatorio. Di reale, invece c'è la Tosi Group Pistoia allenata da Paolo Moretti. Capolista della L2 con Reggio Emilia, i toscani possono far leva su un pacchetto di lunghi atipici, rapidi ed esperti formato da Jack Galanda, l'amato Bobby Jones, Jango e Fiorello Toppo. Nel perimetro punge il temibile duo Mathis-Hardy mentre primo cambio è il giovane Saccaggi. Insomma una bella squadra. “Sono un team molto forte – ha commentato coach Nernad Vucinic – certamente tra i più competitivi della categoria. Patiremo a rimbalzo e sotto canestro? Logico che quando cambi un assetto, togliendo un giocatore come Easley patisci in questo settore ma tutta la squadra dovrà supplire a questa eventuale lacuna”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento