menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bradley Wanamaker

Bradley Wanamaker

Basket, la Fulgor cambia pelle: arriva Wanamaker

Giornata importante in via Zuelli: mentre sbarca il play Usa, Brad Wanamaker, la società biancorossa tenta di sgombrare il campo dalle “voci” di dissidi e difficoltà

Forse non potrà giocare mercoledì contro Pistoia causa tempi stretti per il tesseramento – si attende il nulla osta dagli USA – fatto sta che Bradley Wanamaker è il nuovo americano della MarcoPoloShop. Ceduto “Slim” Tony Easley, pivot filiforme ed elastico passato alla Dinamo Sassari, Forlì sposta così e nettamente il proprio baricentro tattico: da team con palesi lacune lato playmaking dopo l'infortunio di Nardi, a squadra a fortissima trazione posteriore forte del novello duo Wanamaker-Freeman. Ora, in attesa che entro fine mese arrivi un centro italiano in grado di reggere il ruolo di 5 titolare, a spartirsi gli urti sotto il cesto saranno Casoli e il duo di “pesi medi” formato da Lestini e Joe Trapani. Un pacchetto che evidentemente non concede il respiro necessario per una salvezza tranquilla e che costringerà coach Nenad Vucinic a non poche alchimie tattiche: “Indubbiamente – conferma il tecnico serbo – dovremo trovare accorgimenti tattici utili a mascherare le nostre lacune e a esaltare i punti di forza. Comunque crediamo fortemente che Brad sia il giocatore per noi, era il meglio presente oggi sul mercato e non ce lo siamo sfatti sfuggire. Si tratta di una prima mossa verso nuovi equilibri”.

Nato a Pittsburgh nel 1989, Bradley Wanamaker è un play-guardia potente, alto 193 centimetri per 95 chilogrammi. Dopo la carriera universitaria a Pittsburgh, ha giocato sette match a gettone a Teramo in A1 per poi tentare la strada del camp Nba degli Atlanta Hawks. “Cosa mi ha fatto tornare in Italia? Il cibo – sorride il neo regista forlivese –. Le guide mi dipingono un ottimo passatore, vedremo Sicuramente credo di potermi ben integrare con Austin Freeman che già conosco in quanto più volte l'ho incrociato ai tempi dell'università”. Sull'arrivo dell'ex Pittsburgh, Nicola Alberani: “Abbiamo visto in Brad il play adatto a giocare a fianco di Austin, certo non un mangia palloni. Un giocatore che crediamo possa essere utile anche in caso di rientro di Mike Nardi”.

Occasione della presentazione è stata colta dal presidente Giorgio Grazioso per metter alcuni puntini sulle “i” dopo le tante notizie circa dissidi e problemi economici: “Anzitutto, sulla questione che ha scatenato tutte le voci: Austin Freeman non è mai stato sul mercato. Forse per rendere il concetto più chiaro dovremo scriverlo sui muri: non stiamo svendendo i giocatori. Ciò è falso anche sulla cessione di Tony Easley che è andato a Sassari non per monetizzare (la cifra arrivata a Forlì è di 25mila euro, ndr) ma per la forte richiesta del ragazzo che desiderava tentare l'esperienza in A1”. Più sfumate le posizioni sui problemi di budget: “Il campionato di LegaDue – spiega Grazioso – esige budget importanti che per tre quarti è coperto da sponsorizzazioni e altri introiti. Al resto provvedono i soci, una ventina dei quali pronti a metter mano al portafogli anno dopo anno. Credo debba esser dato pieno merito agli sforzi fatti di dare una conformazione professionistica a questa società, e di mantenere gli impegni di serietà e crescita che sentiamo di avere con la città e con tutti i nostri sostenitori, gli oltre 3.000 spettatori che ci seguono al PalaFiera”. Circa i controlli delle Agenzie delle entrate che avrebbe imputato alla Fulgor posizioni da regolarizzare con alcune decine di migliaia di euro: “In questo preciso momento economico l'Agenzia sta mettendo in campo il massimo per riscuotere. Si tratta di irregolarità legate alla gestione del 2006 sulla cui cifra (voci dicono circa 200mila euro, ndr) non mi sbilancio anche perché riteniamo sia possibile limarla di parecchio. In ogni caso nulla di inaffrontabile, sul cui importo chi era responsabile della società in quel periodo si è già detto pronto a provvedere. Ripeto nulla di preoccupante”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento