Fulgor verso Sant'Antimo, Poletti: “Pronti alla battaglia”

Attese, tensioni, calcoli di classifica, polemiche: non mancherà proprio nulla al match del "dentro o fuori" di domenica tra Forlì e l'Igea.

Mitch "Pollo" Poletti

Sarà una battaglia ma non ci spaventa: quello che dovremo fare è dimostrare a noi stessi e agli avversari che abbiamo fatto il fatidico passo in avanti tecnico e psicologico utile per vincere”. Avvertimento numero uno di Mitch Poletti all'ambiente e alla Pallacanestro Sant'Antimo, protagonista coi biancorossi, domenica prossima (palla a due alle 18:15) di uno spareggio per l'ultima piazza di LegaDue (entrambe le compagini sono ultime a 12 punti): la FulgorLibertas, a dispetto delle sette batoste consecutive, delle discussioni sulla guida di Vucinic, sulle polemiche settimanali innescate dalle “estemporanee” dichiarazioni di Nardi, è carica a molla.

“Quando ero a Fossombrone contro Sant'Antimo, a Sant'Antimo, ho giocato e so cosa significa in termini di pressione – dice Mitch –; erano altri tempi, altre categorie, altro livello arbitrale ma non aspettiamoci un clima rilassato, anzi. Noi abbiamo in più una buonissima settimana di allenamenti alle spalle. L'amalgama? Siamo professionisti, il livello è talmente alto che dopo due settimane l'integrazione vecchi-nuovi è cosa fatta. Ma non è tanto la precisione nell'esecuzione di uno schema o di una difesa che farà la differenza, ma se davvero avremo fatto uno step in avanti complessivo, comprese la voglia e l'approccio”.

Sul momento psicologico dei biancorossi: “Quando perdi tante partite – spiega il pivot e Brindisi – poi non sei più tranquillo, su nulla. Ricordo la stagione scorsa quando vincemmo a Lodi e la stagione girò: chi come me era lì fin dall'inizio esultava come avessimo vinto il campionato mentre Huff e Jones che erano appena arrivati, ci guardavano un po' stupiti. Siamo nella stessa situazione: dobbiamo solo liberarci da questo fardello”.

Sul “peso” di questo grave morale, stando a Poletti, comunque non calcano le polemiche dilaganti in settimana. Né quelle sul caos scoppiato dopo le dichiarazioni su facebook di Mike Nardi circa presunti ritardi nei pagamenti degli stipendi – sul tema, è telegrafico il “Pollo”: “è giusto esser pagati puntualmente così come credo che questo genere di cose competano solo Mike e la società” – né sulle divisioni interne alla società: “Forlì è particolare, qui ogni cosa viene amplificata; per fortuna negli spogliatoi parliamo degli allenamenti, degli schemi o di dove andare a mangiare la sera, non delle polemiche”.

Pensando al campo, chiari i punti di forza di Sant'Antimo: "Con l'arrivo di Kommatos e Bell – aggiunge il centro – , Sant'Antimo è più completa e quadrata. Senza Campbell, Cittadini ha più spazio che sta sfruttando giocando davvero bene; Kommatos ha poi il tiro dall'arco che prima mancava. Ma anche per loro sarà una partita importante, tesa. Mi aspetto più una battaglia, da giocare sui 40', che una gara tattica”.

Detto che FulgorLIbertas Forlì e Igea occuopano a braccetto l'ultima stazione della classifica, i romagnoli all'andata vinsero 72-64. Per cui nella sciagurata ipotesi il match dovesse prendere una brutta piega, salvare la differenza canestri sarebbe essenziale: in caso di rush finale presentarsi sotto pure nei cesti sarebbe al 99% fatale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento