menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

FulgorLibertas, bye-bye Benny: Musso dice “no” a Forlì

Anche la guardia italo-argentina ha rifiutato il rinnovo; probabile viri verso Pesaro dell'ex coach Dell'Agnello. Forlì corre ai ripari trattando Matteo Frassineti.

Finisce con un nulla di fatto il mercato “dei confermati” biancorosso. Si chiude, infatti, con l'ormai più che prevedibile “no grazie” di Bernardo Musso: il gaucho, dalla sua casa in Sardegna, dopo lunghe meditazioni, ha comunicato di respingere il prolungamento del contratto annuale (30/40mila euro l'offerta) con la FulgorLibertas e tentare fortuna altrove. Probabilmente a Pesaro, dove ad attenderlo c'è un duo di ben noti estimatori, Dell'Agnello-Costa. Coach Galli e il neo vice Giannetti dovranno così imbastire l'FL targata '13-'14 quasi totalmente da zero: a parte l'under Basile (e forse Stefano Simeoli) cambio del futuro play USA, non ci sarà altro volto noto.

In cima ai taccuini del duo Benzoni-Giannelli, per rimpiazzare Musso, ora c'è Nicholas Crow, ala classe '89, ben conosciuto da “Cedro” Galli per i trascorsi nelle giovanili riminesi. Crow, reduce da pochi scampoli di basket in A1 ad Avellino e che non ha ancora firmato per Capo d'Orlando, chiede però troppo. Stessa “musica” per il vero sogno forlivese: l'Ex con la E maiuscola, Matteo Frassineti. Il fulgorino, chiusa la stagione scorsa a Imola nel tentativo di riequilibrare quotazioni finite in ribasso dopo alterne fortune a Reggio Emilia, è però “cavallo di razza”, di quelli cui la base d'asta non è propriamente a livello FL. L'offerta è stata fatta ma il divario tra avrai e vorrei è quasi doppio.

Dopo Stefano Borsato e Nicola Natali, dunque ecco il terzo “niet” racimolato nel corso degli ultimi dieci giorni dalla FulgorLibertas. Un saluto pesante, che toglie la certezza di un player da quintetto (Musso ha chiuso la stagione '12-'13 con 28' di media, quasi 12 punti di media e una serie di play-off giocata alla grande), di resa quasi sicura. In una fase in cui tra le corsie del supermarket di Legadue corrono col borsellino gonfio di denari le sole Barcellona, Napoli e Jesi, Forlì si accoda alla stragrande maggioranza dei team di Gold e Silver restando in gentile attesa che i prezzi calino. E non di poco. Forlì che ha il raduno fissato il 19 agosto, difficilmente arriverà al battesimo con tutte le pedine a posto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlimpopoli, lavori su via Tagliata, usare percorsi alternativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento