menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

FulgorLibertas, Dell’Agnello: “Ancora lontanissimi dalla condizione ideale”

Il tecnico dei biancorossi tira le somme dopo due settimane di allenamenti, tra le luci di un gruppo motivatissimo e le ombre di una quadra tecnico-fisica ancora lontana.

“Stasera, contro Ferrara, spero solo di non vedere i ragazzi sbatter l’uno contro l’altro”. E’ una vera doccia d’umiltà e realismo quella aperta da coach Sandro Dell’Agnello su squadra e sostenitori biancorossi alla vigilia dell’amichevole di giovedì sera con la Mobyt, team di DNA. “Sì – continua il tecnico – siamo indietro di settimane rispetto alla condizione ideale; scontiamo il fatto che abbiamo iniziato gli allenamenti al completo da pochissimi giorni, con gli americani qui da neanche una settimana”. Il tecnico vola sopra le “good vibrations” rese da una campagna acquisti di buon livello, soprattutto la quasi certezza che il tandem Roderick-Todic sarà un bel grattacapo difensivo per tutti: “Non siamo pronti, non lo nascondo – completa Sandrokan –. L’avvio di stagione con avversari come Veroli o Scafati sarà tosto; dovremo esser uniti, far quadrato di fronte alle difficoltà. Questo non significa che non lotteremo con tutti e che potremo puntare a far un campionato di livello ma non dimentichiamoci né quali rischi ha corso la società questa estate e che il nostro unico vero obiettivo è la salvezza".

Al di là delle cautele, in mano a Dell'Agnello c'è comunque una squadra che ne rispetta in pieno la filosofia garibaldina molto corri e pressa, dal buon tasso di talento. “Non ci sono prime donne – commenta l'ex timoniere di Brescia – tutti i miei giocatori partono allo stesso livello anche se con motivazioni differenti: chi era già qui per riscattare la scorsa stagione, i nuovi per affermarsi o trovare spazi in campionati importanti. Sui singoli posso dire che Bo Spencer si è già dimostrato più di quanto m'aspettassi: è un regista vero con buon tiro; anche se entrambi difettano un po' d'esperienza, farà una bella coppia con Roderick: il primo più compassato, il secondo più creativo”. Parole di stima e incoraggiamento, Dell'Agnello le ha anche per gli altri due stranieri, il passaportato Bernardo Musso e il “4” comunitario Miroslav Todic: “Era un paio d'anni che puntavo ad aver Musso nelle mie squadre; quest'anno ci sono riuscito. Il salto tra DNA e LegaDue porterà qualche passaggio a vuoto ma credo che Bernardo potrà esser la rivelazione della stagione. Todic? E' un giocatore atleticamente importante, in LegaDue può fare tranquillamente anche il centro. Ha mani e piedi per imporsi”. Sul “tema” Mattia Soloperto, il coach mantiene il registro totalmente positivo: “Mattia si sta allenando con tantissima intensità; mi aspetto da lui centimetri e fisicità in difesa e spunti offensivi”.

 

-> Tutti i risultati sportivi dei campionati locali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento