menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Coach "Cedro" Galli

Coach "Cedro" Galli

FulgorLibertas, tra scommesse e giovani al via la stagione più difficile

Partita l'avventura della FulgorLibertas '13-'14. Stagione all'insegna delle scommesse e dei giovani con un solo obiettivo: salvarsi per continuare ad esserci nel basket che conta.

Salvezza, giovani, entusiasmo. Inizia così, legata stretta intorno a tre parole quasi fossero paletti, la nuova stagione della FulgorLibertas. Mentre all'appello mancano gli stranieri in posto guardia e pivot – giocoforza “stelle e strisce” come ribadito da Stefano Benzoni – e gli sponsor ancora sono di là dall'esser cosa fatta – e qui l'appuntamento è ottimisticamente tra un paio di settimane... – i biancorossi oggi, al PalaFiera, hanno tolto velo di un'annata sportiva e societaria tra le più complicate: quella dell'esistenza, quella risparmio, quella che paradossalmente potrebbe cementare il legame d'amore tra una città, Forlì, e la sua bella, la passione per la pallacanestro.

Al battesimo, all'ordine della triade tecnica formata da coach Massimo Galli, dal vice Antonio Giannetti e dal preparatore Carlo Marani, presenti: i playmaker, Lorenzo Saccaggi (da Pistoia, LegaDue) e Nicolò Basile (confermato); le guardie Julian Gualtieri (da Miami High School, classe '95), Piermichele Candelaresi (Cassino, DNC), Riccardo Ravaioli (Scirea Basket ma cartellino FL, DNC), Luca Agatensi (under confermato); le ali Nicholas Crow (Avellino, A1), Lorenzo Battistini (Reggio Emilia, giovanili), Simone Fabiani (Scirea Basket, DNC), Luigi Sergio (Caserta, A1) e Giacomo Eliatonio (Barcellona, L2). Unico assente giustificato Matteo Caroli, under 19 da Pistoia. Gli allenamenti si terranno ogni giorno (fatta eccezione per giovedì e domenica pomeriggio), la mattina, al polisportivo della Cava e, al pomeriggio, al PalaFiera (dalle ore 18).

“Ci aspetta una stagione difficile – spiega Stefano Benzoni –; abbiamo allestito una squadra centellinando le risorse non per vezzo ma perché fare altrimenti non era possibile: in bilico c'era il futuro della società e quanto vogliamo è assicurare un domani alla FulgorLibertas. Mancano ancora gli americani e sarà una scelta chiave, per il peso che avranno e per il regolamento che impone due soli visti extra-Cee. Non abbiamo fretta: la scelta è ampia e i nomi validi ci sono”. Dallo spessore dei colored, dai soldi in cassa e dalla risposta dei tanti under in prova, (fatto salvo che è in trattativa un classe 1995 di 202 cm molto promettente) dipenderà anche l'arrivo di altri italiani. In particolare, un piccolo e un lungo in grado di dare minuti agli USA. Sulla guardia i nomi sono i soliti: Michele Cardinali, Fabio Zanelli e (più difficile) Ousmane Gueye. Il lungo, invece, è lontano dal palesarsi ma sarebbe, sicuro, l'ultimo innesto. Prossimo “ingresso” sicuro, sarà il tanto celebrato “sesto uomo”, il pubblico forlivese, grazie alla campagna abbonamenti. “Entro fine mese o inizio settembre – conferma Benzoni – non prima di avere un'ossatura di squadra vera. Abbiamo dato vita a un Ufficio Marketing affidato a Mario Guglielminetti che ha lanciato l'idea di far scegliere ai tifosi, via Facebook, lo slogan. Vedremo”.

“Tecnicamente vedo squadre di altro livello, come Torino o Barcellona o Brescia, con budget nettamente superiori – aggiunge coach Massimo Galli – noi opporremo la nostra fame, la nostra voglia di emergere, il nostro gruppo. Abbiamo tanti giovani, ma ragazzi come Saccaggi, Crow, Sergio e Eliantonio sfrutteranno questa occasione per emergere. A chiunque chiederò di dare il 100%, spirito di appartenenza alla maglia, amore per la città e il suo pubblico che resta uno dei più belli della serie A. Gli USA? Dovranno darci leadership, personalità, capacità di guidare un gruppo giovane”.             

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento