menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omaggio a Tullo Morgagni e Ercole Baldini: anche Forlì nella storica edizione numero 100 del Giro d'Italia

La città mercuriale sarà partenza della dodicesima tappa (18 maggio) che porterà il gruppo a Reggio Emilia

Ci sarà anche il nome di Forlì nella storica edizione numero 100 del Giro d'Italia. L'ufficialità è arrivata nel corso della presentazione della corsa rosa avvenuta martedì pomeriggio a Milano. L'edizione 2017, che partirà dalla Sardegna il 5 maggio, proporrà un racconto molto originale che ripercorrerà, attraverso le 21 tappe, fatti di sport, storia e cultura della "Corsa più dura del Mondo nel paese più bello del Mondo". La città mercuriale sarà partenza della dodicesima tappa (18 maggio) che porterà il gruppo a Reggio Emilia dopo ben 237 chilometri (la più lunga del Giro), all'indomani del tappone appenninico da Ponte a Ema (città natale di Gino Bartali) a Bagno di Romagna e che attraverserà la Valle del Bidente (Corniolo, Campigna e Santa Sofia).

UNA TAPPA ANCHE A CAMPIGNA, SANTA SOFIA E BAGNO: TUTTE LE INFO QUI

FullSizeRender-4-2L'OMAGGIO A TULLO MORGAGNI E ERCOLE BALDINI- Partendo da Forlì, la corsa rosa omaggia il papà della manifestazione, il giornalista forlivese Tullo Morgagni (insieme ad Armando Cougnet ed Eugenio Costamagna). Il 7 agosto del 1908 attraverso le colonne della Gazzetta dello Sport, Morgagni annunciò l'intenzione della sua testata di organizzare, a partire dall'anno successivo, il Giro d'Italia. Un annuncio che bruciò sul tempo il Corriere della Sera, pronto a lanciare lo stesso progetto. Nasceva così una delle gare ciclistiche più prestigiose al mondo; ed un legame profondo tra Forlì e il Giro. L'edizione numero 100 omaggia anche Ercole Baldini (vincitore del Giro 1958). Nessun omaggio per Arnaldo Pambianco, vincitore del Giro nel 1961.

I PRECEDENTI - L'ultima volta che la corsa rosa è arrivata a Forlì risale al maggio del 2015: fu un autentico tripudio, con l'arrivo a braccia alzate in viale Vittorio Veneto di Nicola Boem e ripartenza il giorno successivo a piedi di San Mercuriale. Ma il legame tra Forlì e il Giro è molto solido: arrivo di tappa già nel 1925 (il 3 giugno, con partenza da Arezzo), nel 1928 (il 14 maggio da Trento, dopo un percorso di oltre 300 chilometri e ripartenza due giorni dopo da Predappio), nel 1930 ( il 2 giugno da Ancona). Traguardo mercuriale anche nel 1937 (il 23 maggio, nuovamente da Ancona) e nel 1939 con la Senigallia-Forlì (era il 7 maggio, prima di due semitappe). Si arrivò anche il 25 maggio del 1960 con la Bellaria-Forlì (semitappa). Il Giro tornò a Forlì nel 1977 (il 27 maggio con partenza da Gabicce Mare), poi più nulla fino al 12 maggio 2006 con la Busseto-Forlì dal sapore risorgimentale. Nel 2008 e nel 2009 fu ancora una volta piazza Saffi ad offrire il suo vasto, caratteristico, spettacolare scenario alla carovana rosa per il ritrovo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Arredare

Cambiare il divano: ecco la guida completa e i consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento