Sport

Arriva il Giro, Santa Sofia in delirio: con Pantani e Scarponi nel cuore

Tanti i cartelli in ricordo di Marco Pantani e Michele Scarponi, perché queste sono e saranno per sempre le loro strade, sopratutto quelle del Pirata che qui era solito allenarsi. E il Giro intanto vola via, puntando verso nord.

Foto di Daniele Arfelli

Un modo alternativo per definire il Giro d'Italia? Un bacio, una carezza che appaga completamente. Perché in fondo l'emozione della corsa è come una scintilla. Che in un battito di ciglia vola via. Lo sciame colorato di bici dura una manciata di minuti. E si porta con se tutta l'attesa di quel momento maturato per mesi. In fondo è come la metafora della vita. E vale anche per il Giro: ciò che dà più gusto sono i preliminari. Quel tempo che precede l'arrivo della complessa macchina organizzativa.

>> GUARDA IL VIDEO DEL PASSAGGIO DELLA CORSA <<

A Santa Sofia si sono preparati in tanti modi ai fuochi d'artificio del plotone prima sul passo della Calla, poi in paese e infine sulle vette dei Gran Premi della Montagna romagnoli, partendo dal Carnaio. Grigliate, banchetti e bicchieri di vino. Come guardare una finale di Champions. Senza il divano di casa e sotto il sole, ma poco importa. L'occasione è di quelle uniche che solo uno sport come il ciclismo sa dare: esser nel vivo della corsa sul ciglio della strada, quasi a sfiorare le biglie di sudore dei corridori provati dalle fatiche del tappone appenninico.

E' il rosa il colore predominante. Immancabili gli irriducibili del gadget, orgogliosi di indossare un cimelio dell'edizione numero 100 della corsa per dire un giorno “Io c'ero”: tanti i bimbi delle scuole vestiti del colore del Giro, per ore sotto un sole cocente ma con tantissima allegria. A mangiare panini con le rape rosse e mortadella: rigorosamente rosa, ci mancherebbe altro. C'è chi ha voluto sentirsi per un attimo parte del gruppo, inforcando la bici per provare sulle proprie gambe le pendenze del percorso. Un rapporto leggero, perché anche se non sarà la salita del Pordoi, per un amatoriale poco importa. E' dura lo stesso. Tanti i cartelli in ricordo di Marco Pantani e Michele Scarponi, perché queste sono e saranno per sempre le loro strade, sopratutto quelle del Pirata che qui era solito allenarsi. Tanti i giovani e i meno giovani alla Calla, sul Carnaio da Gamberini a MonteGuidi: un urlo e una spinta non si nega a nessuno. E il Giro intanto vola via, puntando verso nord.

SPECIALE GIRO D'ITALIA

IL TAPPONE REGALA SPETTACOLO: VINCE FRAILE - FOTO
LA FESTA SUL CARNAIO: SANTA SOFIA IN DELIRIO PER I "GIRINI" - FOTO
IL GIORNO DI GLORIA DI MONTAGUTI: "MI SI E' SPENTA LA LUCE SUL FUMAIOLO"
UNA MAREA ROSA PER IL PASSAGGIO DEL GIRO - IL VIDEO DELLA FESTA A SANTA SOFIA - VIDEO
FEBBRE DA GIRO: BAGNO DI ROMAGNA TIFAVA PER MONTAGUTI - VIDEO
GIRO 100: LA "SERATA D'ONORE" A FORLI' - VIDEO
GIRO, ORA LA PARTENZA DA FORLI': TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI
BAGNO DI ROMAGNA IN GRAN SPOLVERO PER L'ATTESA: IL VIDEO DELL'ATTESA
BAGNO DI ROMAGNA, E' QUI LA FESTA: LO SHOW - IL VIDEO
BAGNO DI ROMAGNA, CHAMPAGNE SUL PODIO: LE PREMIAZIONI - VIDEO
L'ALLESTIMENTO DI PIAZZA SAFFI: IL LAVORO DEI TECNICI - FOTO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva il Giro, Santa Sofia in delirio: con Pantani e Scarponi nel cuore

ForlìToday è in caricamento