L'Aics dona le divise sportive ai ragazzi delle medie "Zangheri"

Le divise contano maglie e pantaloncini sufficienti a vestire due squadre miste e i propri coach

Il comitato Aics di Forlì-Cesena, in collaborazione con Aics Sport Village, ha donato 30 divise sportive ai ragazzi delle scuole medie “Zangheri” per la partecipazione ai tornei e alle iniziative sportive scolastiche e interscolastiche. L’iniziativa rientra nell’ambito dei progetti sociali che il comitato provinciale dell’Associazione Italiana Cultura Sport porta avanti sul territorio e che, ogni anno, produce un “dono” speciale a una scuola del territorio, nell’intento di favorire l’attività sportiva tra i giovanissimi.  Le tute sono state consegnate ai ragazzi della scuola "Pietro Zangheri" dalla presidente del comitato Aics di Forlì-Cesena, Catia Gambadori, alla presenza della dirigente dell'Istituto comprensivo 7 Carmen Silvestroni, e delle docenti Nadia Mastroianni, Maria Marincola, Miriam Bocchini e Giulia Gottuso.

"Quando indosserete queste divise - ha detto la presidente Gambadori rivolgendosi agli studenti di terza - rappresenterete il vostro Istituto ma anche i valori che questa maglia sottintende: spirito di squadra, di rispetto dell’altro e delle regole, del fair play. Ciò vi serva a capire che la fedeltà alla maglia e ai suoi valori è importante e che è alla base dell’attività sportiva". Le divise contano maglie e pantaloncini sufficienti a vestire due squadre miste e i propri coach. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento