L'Unieuro controlla agevolmente Orzinuovi: "Mo" Watson ne fa 16

Trionfo concretizzatosi dopo un dominio quasi totale del match da parte dei ragazzi di Dell’Agnello, che torneranno al PalaFiera domenica prossima alle 18 contro un’altra new entry del girone est di A2: San Severo.

Primo successo in campionato per l’Unieuro, che nell’anticipo di sabato s era al PalaGeorge di Montichiari conto la neopromossa Orzinuovi si impone per 67-84, scacciando i fantasmi del derby contro Ravenna. Trionfo concretizzatosi dopo un dominio quasi totale del match da parte dei ragazzi di Dell’Agnello, che torneranno al PalaFiera domenica prossima alle 18 contro un’altra new entry del girone est di A2: San Severo. “In attacco siamo stati tutti coinvolti, abbiamo portato sei uomini in doppia cifra per merito dei giocatori e del loro passarsi la palla - commenta coach Sandro Dell'Agnello ha-. Abbiamo messo in campo una difesa importante soprattutto nel secondo tempo, perché siamo stati bravi a chiudere gli spazi. Abbiamo giocato una partita davvero molto sostanziosa".

Dell’Agnello parte con Watson Jr, Marini, Rush, Ndoja e Bruttini. Arrivano dopo 1’53’’ i primi due punti di Forlì, firmati dal migliore del match di domenica scorsa contro Ravenna Pierpaolo Marini, che valgono il 2-2. Orzinuovi non si fa intimidire dall’avversario: a metà del primo quarto Bossi fa 11-10 e spinge Sandro Dell’Agnello alla chiamata del primo timeout dell’incontro. Break Unieuro da 5 con Bruttini Watson da 3: i biancorossi cominciano a carburare, e il cestista americano mette dentro un’altra bomba a 7’40’’ per il 16-20. Giachetti e Petrovic firmano poi un altro break, questa volta da 6, portandosi a +8 (20-28) dopo i primi 10’ di gioco. 

Nel secondo quarto preme sull’acceleratore la formazione bresciana, che in tre minuti dimezza lo svantaggio e porta Dell’Agnello a spendere un timeout. Forlì rimane lucida, le lunghezze di vantaggio diventano 9 a 4’24’’ dopo il canestro da due di Watson. I padroni di casa non mollano, e riescono a limitare i danni restando sotto di 5 a metà incontro (42-47). 58.1% al tiro per Forlì, molto meglio rispetto a domenica scorsa, 48.4% per Orzinuovi.

Il terzo quarto viene sbloccato da un libero di Mekowulu, ma il break di 8 degli ospiti porta a +12 Forlì. A 3’44’’ Marini fissa il 45-57, costringendo l’Agribertocchi a spendere il timeout. 50-62 a 6’53’’ a seguito di un centro dalla distanza di Petrovic che mantiene saldamente in vantaggio i suoi. Il classe ‘99 realizza poi due liberi, portandosi a quota 12 punti (il migliore dei romagnoli). Alla mezz’ora di gioco, il tabellone recita 55-67.

L’ultima fase dell’incontro non regala spiragli di rimonta ad Orzinuovi: quando a 3’21’’ Forlì chiede il timeout, il risultato è di 57-73. Dell’Agnello non vuole cali di concentrazione come accaduto nel derby. Diventano addirittura 20 le lunghezze di vantaggio in favore dell’Unieuro a 7’41’’, a seguito del tiro da 2 di Klaudjo Ndoja. Alla fine i punti totali dell’Unieuro sono 84, di cui 16 firmati ‘Mo’ Watson, contro i 67 di Orzinuovi.

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI – UNIEURO FORLÌ 67-84 (20-28; 42-47; 55-67)

UNIEURO FORLÌ : Rush 3, Kitsing , Giachetti 13, Campori, Watson JR 16, Petrovic 12, Marini 11, Benvenuti 5, Bruttini 13, Ndoja 11. All: Dell’Agnello.

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI: Smith 6, Bossi 17, Siberna 5, Perin 0, Parrillo 8, Guerra NE, Ferraro, Galmarini 3, Negri 9, Mekowulu 19. All: Salieri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento