Sport

La grande festa della Coppi e Bartali: Piazza Saffi decisiva per il vincitore finale

Nel cuore del centro storico di Forlì si è imposto l'olandese del Team Jumbo Visma, precedendo Diego Ulissi del Uae Team Emirates e l'ecuadoregno Jhonatan Narvaez del Team Ineos Grenadiers

L'urlo di gioia di Pascal Eenkhoorn. Piazza Saffi ha sancito l'epilogo della quattro giorni della Settimana Internazionale Coppi e Bartali, organizzata dal Gs Emilia di Adriano Amici. Nel cuore del centro storico di Forlì si è imposto l'olandese del Team Jumbo Visma, precedendo Diego Ulissi del Uae Team Emirates e l'ecuadoregno Jhonatan Narvaez del Team Ineos Grenadiers. Con questo piazzamento Narvaez ha guadagnato quattro secondi di abbuono, decisivi per strappare la leadership al ventunenne valtellinese Andrea Bagioli (Deceuninck Quick Step).

Video - La grande festa della Coppi e Bartali

Al terzo posto della classifica generale un altro giovane talento della Deceuninck Quick Step, il portoghese Joao Almeida, a 17”. Giù dal podio Ulissi e Nicola Conci (Trek Segafredo). A Narvaez, oltre alla maglia “Emilia-Romagna” della classifica generale, è andata anche quella “Selle SMP” della classifica a punti e quella “Felsineo” di miglior giovane. La maglia “Sidi” legata ai gran premi della montagna se l’è invece aggiudicata lo spagnolo Julen Amezqueta della Caja Rural – Seguros.

L'ultima frazione, da 166 chilometri, è stata caratterizzata da  una fuga nata dopo una trentina di chilometri, con dieci atleti protagonisti: Santiago Buitrago (Bahrain McLaren), Edward Ravasi (Uae Team Emirates), Ben O'Connor (Ntt Pro Cycling), Johan Jacobs (Movistar Team), Luca Covili (Bardiani CSF Faizanè), Oscar Riesebeek (Alpecin Fenix), Julen Amezqueta (Caja Rural Seguros), Delio Fernandez, Simon Carr (entrambi della Nippo Delko Provence) e Jan Bakelants (Circus Wanty Gobert). I dieci hanno toccato un vantaggio massimo di 3’30”, dopodiché il plotone ha rotto gli indugi. Gli ultimi a cedere sono stati Buitrago, Bakelants, Riesbeek e Ravasi, sui quali nel finale si era riportato Alessandro Fedeli (Nippo Delko Provence). Il gruppo dei migliori, selezionato dalle sette ascese di Rocca delle Caminate, però ha chiuso in vista dell’ultimo chilometro, così la volata è stata inevitabile, con il successo netto di Eenkhoorn (già vincitore di una tappa alla “Coppi e Bartali”, sul traguardo di Gatteo, due anni fa) e il terzo posto decisivo di Narvaez.

"È un onore per questa Amministrazione e tutta la città aver ospitato questa prestigiosa competizione internazionale - dice il sindaco Gian Luca Zattini-. È stato uno spettacolo dalle elevate prestazione atletiche e un segnale determinante per la ripartenza. Lo sport ci unisce virtualmente in un momento delicato sotto il profilo epidemiologico e ci rammenta l’importanza della sana competizione, del rispetto per l’avversario e della sfida che ci rende alleati contro il Covid. Un ringraziamento speciale al vicesindaco Daniele Mezzacapo e a tutti gli uffici del Comune che in queste settimane hanno collaborato alla realizzazione di questo straordinario evento". Venerdi, evidenzia Mezzacapo, "Forlì è stata la regina del Ciclismo a livello nazionale. La Coppi-Bartali ha restituito alla Città il giusto palco che le “due ruote” meritano". La città, conclude, "ha iniziato la sua luna di miele con lo sport, settembre e ottobre saranno ricchi di eventi con tanti sportivi internazionali nella nostra amata città".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La grande festa della Coppi e Bartali: Piazza Saffi decisiva per il vincitore finale

ForlìToday è in caricamento