menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il neo acquisto Austin Freeman in azione al Palafiera

Il neo acquisto Austin Freeman in azione al Palafiera

Marcopolo sconfitta nel primo test stagionale: ma c'è già voglia di basket

Prima uscita stagionale davanti a mille sostenitori che hanno sfidato la sauna del Palafiera. Venerdì sera in amichevole i biancorossi hanno affrontato gli universitari della West Virginia (67-92 il punteggio finale)

Prima uscita stagionale e primo piccolo bagno di folla (oltre 1.000 i sostenitori dei biancorossi presenti in un PalaFiera versione sauna) per la FulgorLibertas ancora priva di Huff e Nardi, che venerdì sera ha affrontato in amichevole gli universitari della West Virginia. Esordio infelice per il risultato – d'altronde i giovani a stelle e strisce, oltre a mostrare ottime individualità (Jones, il massiccio turco Kilicli e Darryl Brynt su tutti) sono parsi atleticamente nettamente più in palla – ma tecnicamente parecchio interessante, offrendo già alcune chiare indicazioni su quelli che saranno alcuni liet-motiv dell'annata '11-'12.



Punto uno, Austin Freeman. Fisicato, solido, buona mano (8/15 da 2 e 4/11 da 3 con 24 di valutazione dopo aver comunque un po' “sbracato” nel finale), il rookie sembra veramente nato per calcare da protagonista i parquet d'Europa. Punto due, Tony Easley: leggerino lo è e nella tonnara sotto il cesto a volte fatica a tagliar fuori pari ruolo di stazza ma alla fine raggranella 14 rimbalzi, 13 punti e ben 6 stoppate. Not bad.

Punto tre, Stefano Borsato. Il pretoriano di coach Vucinic si è presentato tirato a lucido ai nastri: mano rovente e faccia giusta, parte dai blocchi con 15-20 in campo già assicurati e chance per puntare al titolo di sesto uomo. Punto quattro, le note dolenti: Natali, Campani, Bianchi e Colosio, i giovani italiani non hanno brillato (dei quattro solo Natali ha sporcato la retina, con 3 punti), patendo per tutti e 40' i più arrembanti avversari. Di tempo per crescere ce n'è, comunque.

Nonostante il ritardo di oltre mezzora accumulato in autostrada scendendo in Romagna da Venezia, l'avvio è tutto per West Virginia (0-8) con Jones e Kilicli a far bottino in area. A invertire la rotta è Stefano “Bum-Bum” Borsato che con tre triple consecutive porta Forlì a +1, 9-8 (4'). A dar manforte alla guardia trevigiana, mostrando precisione dall'arco e indubbio talento nella lettura delle difese, è Austin Freeman e Forlì può chiudere avanti 24-22 il primo quarto. Stesso tenore nei secondi dieci minuti con la coppia Borsato-Freeman a reggere il timone di tutta la barca biancorossa (38-34, 13'30”) e Easley a dare i primi assaggi del suo repertorio fatto tutto di verticalità, stoppate e movimenti rigorosamente fronte a canestro. Il primo tempo comunque non schioda l'equilibrio (45-44 il finale pro locali). La ripresa invece segna il tracollo fisico dei biancorossi: mentre Borsato e Freeman tirano fiato, nessuno li rimpiazza così West Virginia (Jones in testa) pasteggia col cesto altrui toccando quota +21, 48-69 (28'). Per tenere il ritmo Colombo chiama una zona 2-3 che getta sabbia negli ingranaggi americani quel tanto per Forlì per recuperare fino al -13 di chiusura ostilità, 67-90.
Archiaviato l'esordio, sabato 20 è già ora di un'altro test, stavolta (alle 18) con Fairfield University.

FULGORLIBERTAS 67
WEST VIRGINIA 90
(24-22, 44-45, 52-72)

MARCOPOLOSHOP.IT FULGORLIBERTAS FORLI' – Borsato 19, Natali 3, Colosio, Bianchi, Natali, Michelon, Campani, Freeman 32, Easley 13. N.e.: Berlati e Maraldi. All. S. Colombo

WEST VIRGINIA – Rutledge, Jones 24, Brown 5, Kilicli 14, Forsythe 5, Dickerson, McCune 3, Bryant 15, Williamson 6, Noreen 4, Miles 14. All. B. Huggins
?          

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento