menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

F4, al Red Bull Ring i test collettivi: Matteo Nannini cerca il limite e chiude terzo

Un imprevisto ha fermato Nannini durante la seconda sessione, ma grazie alla propria tenacia è riuscito a recuperare e scendere in pista per completare il lavoro nel giorno seguente

Prosegue la familiarizzazione di Matteo Nannini alla F4. Dopo il rookie test che si è svolto a Navarra, il forlivese ha partecipato lo scorso weekend al primo test collettivo invernale che si è svolto al Red Bull Ring. In pista debuttanti e piloti che comporranno la griglia della serie italiana. Un imprevisto ha fermato Nannini durante la seconda sessione, ma grazie alla propria tenacia è riuscito a recuperare e scendere in pista per completare il lavoro nel giorno seguente. 

Il test si è articolato in due giorni, con quattro sessioni di tre ore ciascuna. Buona la prima per Nannini, il quale ha staccato il terzo miglior tempo assoluto, risultando il più veloce tra i rookie nella sessione di apertura. Sfortunatamente la seconda è stata caratterizzata da una piccola sbavatura in frenata, che ha costretto Nannini ad andare lungo. Durante questa escursione la vettura ha preso un dosso e l’impatto con il suolo a seguito del salto ha urtato la schiena del forlivese. Per lui la sessione è finita prematuramente, non riuscendo così a migliorare il settimo tempo assoluto e secondo dei rookie. 

L'indomani Matteo si è ripreso, tornando in pista già in mattinata dopo l’applicazione di creme e cerotti. Nella fase iniziale ha segnato il secondo miglior tempo assoluto, mentre nel pomeriggio ha ottenuto un ottimo terzo posto finale mantenendo la prima posizione tra i debuttanti. L’intenso test austriaco ha rappresentato un primo assaggio di quanto sarà competitivo il prossimo campionato, ma Nannini ha saputo distinguersi da subito. L’italiano ha dimostrato per l’ennesima volta di sapersi adattare rapidamente a una pista nuova, segnando tempi ottimi e lavorando con costanza. 

"Principalmente abbiamo lavorato per ottenere un ottimo bilancio della macchina in condizioni diverse, in quanto nelle prime ore del mattino la nebbia la ha fatto di padrone, e la temperatura della pista non era ottimale- ha proseguito Nannini -. Comunque i tempi sono stati ottimi e mi sono confrontato alla pari con piloti più esperti, anche se ho rischiato un po’ troppo ma in queste occasioni bisogna provarci per trovare il limite". Nelle giornate di mercoledì e giovedì Nannini è atteso a Monza per un’altra sessione di test.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Come eliminare l'odore di fumo in casa: ecco i consigli

Attualità

"Non più soli", quattro posti alla Misericordia di Rocca San Casciano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento