rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Sport

Tra due fidanzate da 300 km/h, Matteo Nannini si racconta: "In F3 le gare saranno un terno al lotto"

L'INTERVISTA - Nannini è stato recentemente impegnato in cinque giorni di collaudi tra F3 e F2 sul tracciato catalano del Montmelò, a pochi chilometri da Barcellona

Una ha 380 cavalli. L'altra poco meno del doppio, 620. Segni particolari: hanno una livrea grintosa e sono velocissime. Con una è in procinto di iniziare la stagione 2021 di F3, l'altra gli ha già regalato la gioia di andare a punti al debutto in F2. Sono le due 'fidanzate' a quattro ruote di Matteo Nannini, il 17enne forlivese impegnato tra due campionati con il team tedesco Hwa RaceLab in una stagione da 'all in' con 45 gare totali.

Nannini è stato recentemente impegnato in cinque giorni di collaudi tra F3 e F2 sul tracciato catalano del Montmelò, a pochi chilometri da Barcellona, distinguendosi positivamente in entrambe le categorie. 1.573,39 chilometri percorsi, obiettivi differenti: con la F3 preparare il Gran Premio di Spagna in programma nel weekend del 9 maggio, con la F2 migliorare sempre di più il feeling con una Dallara ancora tutta da conoscere.

È reduce da due giorni di test con la F3 e tre con la F2. Qual è il bilancio?
Positivo. Partendo dalla F3, dove c'è più ambizione di fare risultati, siamo rimasti particolarmente soddisfatti del passo gara, mentre per quanto riguarda la simulazione da qualifica abbiamo visto quanto sia importante essere precisi in tutti i settori, perchè i distacchi sono molto contenuti. Anche in F2 abbiamo avuto un buon passo gara, vicino ai piloti più competitivi, mentre serve uno step per quanto riguarda la configurazione da qualifica.

Entriamo nel dettaglio della F3. Qui si correrà il primo gran premio della stagione per la categoria. Cosa hanno detto questi test?
E' emerso che siamo tutti molto vicini, soprattutto sul giro da qualifica: in un secondo c'erano racchiusi tutti e 30 i piloti. La concentrazione dovrà essere quindi al massimo, perchè non è ammessa la minima sbavatura se si vuol fare un buon tempo. Per quanto riguarda le gare sarà un terno al lotto per la regola della griglia invertita, col poleman che partirà dodicesimo in gara 1. Si tratta di un format che agevola maggiormente i piloti non velocissimi. Perciò sarà importante non fare errori, arrivare al traguardo e portare a casa il maggior numero di punti possibili.

A Barcellona lo scorso anno conquistò il primo podio nella categoria. Si può puntare a qualcosa di importante?
E' una pista che mi piace. Tocco ferro (ride, ndr), ma spero di ottenere buoni risultati.

Avete girato anche sul bagnato: si sente pronto anche con condizioni umide?
Non è andata male. Indipendente da come sarà mi sono trovato bene sia con la pioggia che sull'asciutto. Ovviamente c'è più confidenza su quest'ultima condizione, avendo completato più giri.

Su cosa dovete lavorare per arrivare alla perfezione?
Possiamo ancora migliorare sulla gestione degli pneumatici. In F3 non è elevato come in F2, ma c'è.

Sarà una grande battaglia: ha già individuato i principali avversari?
Difficile fare dei nomi, perchè tra il primo e il decimo nei test in configurazione da qualifica c'erano appena quattro decimi di differenza. Chi è andato forte nei test penso si riconfermerà. In gara conterà l'esperienza, quindi verrà fuori chi ha già corso negli anni passati.

Dalla F3 si è poi calato nell'abitacolo della Dallara di F2: ha trovato difficoltà ad adattarsi subito al cambio di cilindrata?
Sinceramente no. Ho avvertito la differenza di peso tra le due vetture.

Quali differenze principali ha trovato a parità di circuito?
Per curiosità abbiamo confrontato i dati ed è emerso che nelle curve più veloci, la 3 e la 9, la velocità minima più alta ce l'aveva la F3. In particolare la curva 9 con la F3 si fa quasi a full gas, mentre con la F2 bisogna un po' frenare.

A punti già in Bahrain. Come procede l'adattamento alla nuova categoria?
Molto bene. Ovviamente non essendoci molti test a disposizione bisogna allenarsi col simulatore. Sul passo gara stiamo migliorando ancora e questo fa ben sperare. Come ho detto, bisognerà lavorare sul giro secco. E' importante saper usare gli pneumatici, scaldandoli alla perfezione per ottenere la massima prestazione. Gli ultimi test sono stati importanti per capire ancora di più questo aspetto.

A Barcellona ha toccato con la F2 la velocità di 313 km/h. È la prima volta che le capita?
Sì e non me l'aspettavo, anche perchè non è una pista da massima velocità. Questo mi ha sorpreso, perchè non ero nemmeno in scia. Avevo il Drs aperto. Ma anche con la F3 non sono andato piano, sfiorando i 300.

Obiettivi per il Gp di Monaco?
Prima di tutto prendere il ritmo, senza fare errori. Al simulatore sono andato molto bene ed assicuro che non ha niente a che vedere con i videogiochi. La pista mi piace tanto.

Chiudiamo con una curiosità. Quest'anno ha due "amanti", ha dato un nome alle sue vetture?
Sinceramente no (ride, ndr). Magari dopo questa domanda ci potrei pensare. O aprire un contest sui social per chiedere suggerimenti (scherza, ndr).

Foto: Matteo Nannini (dalla sua pagina Facebook) salta sui cordoli di Barcellona con la F2, Dutch Photo Agency

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra due fidanzate da 300 km/h, Matteo Nannini si racconta: "In F3 le gare saranno un terno al lotto"

ForlìToday è in caricamento