menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Molea (Aics): "Il governo Draghi taglia il ministero allo Sport, ma la ripresa passa anche da noi"

“Il governo dimentica il ministero allo sport, ma non si dimentichi di quanto lo sport generi politiche sociali ed economia"

“Il governo dimentica il ministero allo sport, ma non si dimentichi di quanto lo sport generi politiche sociali ed economia: sono posti di lavoro e benessere sociale. Presidente Draghi, la ripresa passa anche da noi”. Così il forlivese Bruno Molea, presidente nazionale dell’Associazione italiana Cultura Sport, tra i primi enti di promozione sportiva del Paese, commenta in una lettera aperta al presidente Mario Draghi la mancanza di un rappresentante dello Sport al Governo.

“Confido ora in una delega che non sia di sola facciata, presidente – commenta Molea -nel nostro Paese, quasi 100mila associazioni sportive muovono oltre un miliardo di euro in volontariato, oltre 300 milioni di euro in sole spese commerciali e milioni di euro di risparmio di spesa sanitaria. Lo sport non è solo benessere fisico e movimento, ma politiche sociali e punti di PIL. Non prevedere un Ministero allo Sport, nel difficile momento della costruzione del piano per il Recovery fund, è per la promozione sportiva che AiCS rappresenta un brutto segnale, la cui tendenza le chiediamo di cambiare. Mi appello a Lei, presidente Draghi, e alla sua sensibilità per evidenziarle che lo sport non sono solo Olimpiadi e medaglie, ma posti di lavoro e un aiuto concreto alla spesa sanitaria e una leva economica importantissima e necessaria al rilancio del Paese”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento