MotoGp, Dovizioso lento prima della bandiera rossa: tutta colpa di una termocoperta

Andrea Dovizioso viaggiava nelle retrovie, occupando l'ottava posizione a poco più di 8 secondi da leader di gara di quel momento, Joan Mir

Prima della bandiera rossa causata dal brutto incidente dal quale ne è uscito miracolosamente senza un graffio Maverick Vinales, Andrea Dovizioso viaggiava nelle retrovie, occupando l'ottava posizione a poco più di 8 secondi da leader di gara di quel momento, Joan Mir. Risalito in sella per la mini-gara, il forlivese ha chiuso al quinto posto a ridosso dei primi e con un ritmo di gara decisamente migliore. Fin da subito si è puntato il dito contro il malfunzionamento dello pneumatico posteriore. Michelin, dopo il Gran Premio di Stiria, ha svolto le dovute indagini del caso, scoprendo cosa ha rallentato la Ducati numero 04.

Dalle analisi, come riportato da Motorsport.com, è emerso che il pneumatico posteriore non aveva raggiunto la temperatura ottimale di funzionamento in quanto non ha funzionato la termocoperta. Di conseguenza la gomma presentava una pressione troppo bassa. Un problema tecnico che ha rallentato Dovizioso, baciato poi dalla fortuna quando è stata esposta la bandiera rossa. A quel punto ha sostituito i pneumatici, optando per una mescola più morbida, che gli ha fatto ritrovare il feeling in sella alla Desmosedici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con il ritorno della neve a bassa quota: le previsioni e l'allerta meteo

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

  • La morte improvvisa dell'infermiere Maurizio: "La sua umanità e il suo sorriso resteranno vivi ed indelebili nei nostri cuori"

  • Coronavirus, palestre ancora chiuse. "Contagi ancora alti. La riapertura è lontana"

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

Torna su
ForlìToday è in caricamento