menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

MotoGp, i test di Sepang si chiudono con l'acuto di Pedrosa

Si chiude con l'acuto di Dani Pedrosa la tre giorni di test MotoGp a Sepang, in Malesia. I lavori di giovedì sono stati condizionati dalla pioggia, caduta in mattinata.

Si chiude con l'acuto di Dani Pedrosa la tre giorni di test MotoGp a Sepang, in Malesia. I lavori di giovedì sono stati condizionati dalla pioggia, caduta in mattinata. In condizioni di bagnato-umido, il più veloce è stato Jorge Lorenzo, rifilando distacchi importanti a tutti. Sull'asciutto invece ha accusato un ritardo di 430 millesimi dalla Honda del connazionale, non ripetendo il tempo di 2"00"282 realizzato mercoledì.

Lorenzo è stato preceduto Marc Marquez, incappato con la sua Honda RC213V in un'innocua scivolata sul bagnato al mattino. Il campione del mondo 125 e Moto2 ha ridotto il ritardo da Pedrosa ad appena 81 millesimi, davanti a Valentino Rossi, a 500 millesimi dalla vetta. Il "Dottore" ha preceduto la Honda del team di Lucio Cecchinello di Stefan Bradl, la Yamaha di Cal Crutchlow, e la Honda Gresini di Alvaro Bautista.

Andrea Dovizioso è in costante crescita: il forlivese, dopo essersi risparmiato al mattino, si è piazzato ottavo a 1.088 da Pedrosa, precedendo di 420 millesimi la Ducati gemella di Nicky Hayden. Piano piano il pilota di Forlì comincia a dar del tu alla GP13. Il meteo non ha aiutato l'ex campione del mondo della 125, tuttavia è riuscito comunque a studiare diverse soluzioni di set-up per verificare il comportamento della rossa. Rispetto al test di inizio febbraio il progresso è notevole: "forzo più in frenata - ha ammesso Dovizioso -. Bisogna continuare così per trovare le soluzioni che ci permettano di migliorare in alcuni aspetti".

Dovizioso si è detto "molto soddisfatto" per il lavoro fatto in questi test. Mercoledì, ha premesso il forlivese, "avevamo provato modifiche del set-up piuttosto radicali che ci hanno consentito di capire alcune cose importanti per lo sviluppo futuro ed hanno anche migliorato il mio feeling. Adesso posso frenare in maniera più incisiva ed entrare in curva più veloce, anche se dobbiamo ancora migliorare molto la percorrenza".

L'ex pilota di Honda e Yamaha si è detto contento del tempo realizzato, considerando anche le condizioni meteo: "Ho potuto provare anche la moto 'laboratorio' di Pirro e mi ha dato dei riscontri positivi anche se non ho potuto migliorare il mio tempo a causa della posizione di guida e dell'erogazione del motore, che erano diverse rispetto a quelle della mia moto. In ogni caso volevamo capire meglio le qualità di questa moto ed ho avuto un feeling positivo".

Dovizioso ribadisce come "la parte finale della frenata e la prima parte dell'ingresso in curva sono decisamente migliori. Sono davvero contento di come abbiamo lavorato in questo test: siamo riusciti a migliorare molto rispetto a due settimane fa, usando sostanzialmente la stessa moto, ed ho potuto dare ai miei ingegneri un feedback molto dettagliato. Sarà interessante vedere il comportamento della moto anche a Jerez, nel prossimo test IRTA, e nella prima gara in Qatar perché si tratta di tre piste completamente differenti e quindi saremo in grado di capire meglio il nostro potenziale."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento