menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

MotoGp, subito show ai test di Sepang: Pedrosa davanti a Lorenzo, Marquez e Rossi

Nella prima delle tre giornate di test MotoGp, Andrea Dovizioso ha chiuso con il tredicesimo tempo a 2"378 dalla migliore prestazione realizzata dalla Repsol Honda di Dani Pedrosa

La strada per riportare la Ducati a livelli competitivi sarà lunga e faticosa. Il cronometro di Sepang dà le prime sentenze. Nella prima delle tre giornate di test MotoGp, Andrea Dovizioso ha chiuso con il tredicesimo tempo a 2"378 dalla migliore prestazione realizzata dalla Repsol Honda di Dani Pedrosa, che ha fermato il cronometro in 2'01"157. Il compagno di squadra di "Dovi Power", Nicky Hayden", ha chiuso la giornata con il decimo rilievo cronometrico, a 2.179 dalla migliore prestazione registrata dal vice campione spagnolo.

Subito competitive Honda e Yamaha, con Pedrosa e il campione del mondo Jorge Lorenzo che hanno girato praticamente sullo stesso passo: i due sono infatti divisi da appena 8 millesimi. Ottima la prestazione del rookie di casa Honda, l'iridato di Moto2 Marc Marquez: il baby prodigio ha piazzato la sua RC213V ad appena 44 millesimi da Pedrosa. In forma anche Valentino Rossi, quarto con la sua Yamaha a 427 millesimi.

Alle spalle del nove volte campione del mondo si è piazzato il tedesco Stefan Bradl (LCR Honda MotoGP), che ha iniziato a lavorare su elettronica e sospensioni della sua RC213V. Nel pomeriggio la concentrazione si è spostata sui freni Nissin, unica componente diversa dalle factory. Dietro di lui l'inglese della Yamaha Cal Crutchlow, con un nuovo telaio e un nuovo motore da provare e il pilota di Go & Fun Honda Gresini Álvaro Bautista, sempre alla ricerca del miglior settaggio delle sue sospensioni Showa, che ha chiuso a 824 millesimi da Pedrosa.

Da qui in poi le distanze si fanno importanti: esclusi i due test rider Nakasuka (Yamaha, sul podio a Valencia lo scorso anno) e Akiyoshi (Honda), ci sono le Ducati di Hayden e Dovizioso: in mezzo a loro il rookie di Tech Bradley Smith. Per la prima delle CRT non cambia, per ora, la musica 2012 con il duo di Power Electronics Aspar Team formato da Aleix Espargaró e Randy de Puniet sempre a dettare il ritmo. I piloti della Ducati del team Pramac Ben Spies e Andrea Iannone sono gli ultimi tra i prototipi in 16ª e 17ª posizione, anche se non lontanissimi dai compagni ufficiali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento