rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Sport

Bellissima, dalle forme aggressive: ecco la nuova Ducati di Andrea Dovizioso

Si tratta della prima rossa a firma dell'ingegner Gigi Dall'Igna, il quale, nel corso della presentazione del bolide all'Auditorium Ducati di Borgo Panigale, non ha nascosto l'ambizione di porter conquistare almeno una vittoria in campionato

Bellissima, dalle forme aggressive. Tolti i veli alla nuova Ducati Desmosedici GP15 che disputerà con il forlivese Andrea Dovizioso e l'abruzzese Andrea Iannone il campionato 2015 di MotoGp. Si tratta della prima rossa a firma dell'ingegner Gigi Dall'Igna, il quale, nel corso della presentazione del bolide all'Auditorium Ducati di Borgo Panigale, non ha nascosto l'ambizione di porter conquistare almeno una vittoria in campionato. "E' una sfida raggiungibile - ha dichiarato Dall'Igna -. Bisogna lavorare in quella direzione".

La nuova G15 è una moto compatta rispetto alla precedente GP14, che il direttore generale di Ducati Corse ha definito "rivoluzionaria", anche se "non è stato buttato via nulla del lavoro tecnico svolto da chi ci ha preceduto". Il 'codone' ricorda la Honda RC213V di Marc Marquez e Dani Pedrosa. La rossa scenderà in pista per la prima volta durante i prossimi test in programma a Sepang dal 23 al 26 febbraio. "E' una moto completamente nuova, diversa rispetto a quella che abbiamo usato a Sepang due settimane fa, anche se l’aerodinamica in certi aspetti è piuttosto simile", ha proseguito Dall'Igna.

Dall'Igna è entrato nel dettaglio della nuova moto: "Con la GP14.3 abbiamo fatto dei progressi notevoli per quanto riguarda il software, che sarà facile da trasportare sulla GP15, ma anche dei passi avanti per quanto riguarda le sospensioni, la ciclistica e il motore. La GP15 partirà con lo stesso assetto della GP14.3, ma avrà molte più possibilità di regolazione. Il nostro obiettivo quest’anno è molto ambizioso, perché vogliamo vincere almeno una gara".

"Sappiamo che è un obiettivo estremamente impegnativo, ma siamo abituati ad accettare le sfide più difficili. Lo scorso anno avevamo dichiarato di voler ridurre il nostro gap dal vincitore a meno di dieci secondi - continua -. Anche questa era una sfida ambiziosa, ma l’abbiamo vinta nella seconda parte del campionato. Vincere una gara vuole dire stare davanti a due colossi come Honda e Yamaha e ai loro quattro piloti, che sono sicuramente tra i più forti, ma il nostro obiettivo comunque rimane questo e sappiamo di poter contare sui nostri due piloti, Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, che a mio parere sono in grado di lottare ad armi pari con il loro avversari.”

Il clima in casa Ducati, come ha affermato l'amministratore delegato Claudio Domenicali, è "di eccitazione, adrenalina e passione". La nuova GP15, davvero rivoluzionaria in molti concetti, rappresenta al meglio l’orgoglio e la voglia di vincere dei ragazzi di Ducati Corse, ai quali vorrei trasmettere un sincero ringraziamento. Ho seguito personalmente con passione le fasi finali di avviamento al banco, i primi collaudi, le verifiche prestazionali del nuovo motore, l'assemblaggio della moto e il primo avviamento e ho trovato una carica emotiva e una dedizione veramente straordinari. Siamo solo all’inizio, ma sono sicuro che i risultati premieranno presto i nostri sforzi.

"C'è stato un passo avanti - non ha nascosto Dovizioso -. Sappiamo cosa occorre per competere con Yamaha e Honda. Ci stiamo lavorando". “Fra qualche giorno andremo in Malesia per la seconda sessione di test invernali a Sepang e non vedo l’ora di provare la nuova GP15 - ha dichiarato il forlivese -. Sono molto contento dei miglioramenti che siamo riusciti ad ottenere durante la scorsa stagione e quindi, con questo nuovo progetto, non posso che essere ottimista per la stagione 2015. Credo che lo spirito e la voglia di vincere che vedo oggi in Ducati siano davvero importanti per tutti noi. Dai tifosi Ducati mi aspetto tanto supporto per questa stagione: abbiamo lavorato tanto e bene in questi anni e adesso è arrivato il momento di raccogliere i frutti.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bellissima, dalle forme aggressive: ecco la nuova Ducati di Andrea Dovizioso

ForlìToday è in caricamento