Pallacanestro Forlì, la "Leggenda" Dell'Agnello: "Orgogliosissimo, piazza storica nel basket"

“Sono orgogliosissimo di questo risultato, perché Forlì è una piazza storica del basket italiano, e da qui sono passati tanti allenatori importanti”

Una prima esperienza tra il 2012 ed il 2013 che si concluse con il quinto posto in classifica ed il raggiungimento dei playoff, dopo un'annata decisamente positiva. Ed il ritorno lo scorso anno, a guidare la Pallacanestro 2.015 in una stagione chiusa al secondo posto con 17 vittorie in 24 partite, 13 nelle ultime 16, otto vittorie in nove partite nell’anno solare 2020, e con la prima storica qualificazione alla #Final8 di Coppa Italia LNP. È questo il percorso di Sandro Dell’Agnello sulla panchina di Forlì: due stagioni con risultati importanti, che i tifosi hanno dimostrato di apprezzare, e che gli hanno permesso di essere nominato #Leggenda tra gli allenatori, nel contest social promosso dalla Lega Nazionale Pallacanestro, che si è svolto in queste settimane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono orgogliosissimo di questo risultato, perché Forlì è una piazza storica del basket italiano, e da qui sono passati tanti allenatori importanti - commenta coach Dell’Agnello -. Solo per citarne alcuni, in ordine alfabetico, penso a Bernardi, Melillo e Pasini: premesso che io avrei votato per loro, essere stato preferito in questo contest mi fa sentire apprezzato e stimato ancora di più e mi fa molto piacere”. Una prima esperienza, e poi il ritorno lo scorso anno: “Mi piace fare pallacanestro in città dove c’è tanta passione e dove la gente è attaccata alla squadra: ecco, queste emozioni a Forlì si respirano quotidianamente, anche nelle piccole cose”. Passione, e anche risultati: “Un piccolo motivo di orgoglio personale è anche legato al fatto che i due migliori risultati sportivi raggiunti negli ultimi venti anni di basket in città, un quinto e un secondo posto, li hanno raggiunti le squadre che ho guidato io, e questo mi fa davvero piacere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento