menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo show di Marini contro l'Urania Milano, 10 punti nel finale: "Ci tenevamo a vincere"

Assoluto protagonista il 26enne di Atri (Teramo), autore di 23 punti, dieci dei quali negli ultimi cinque minuti, dando il la alla rimonta sul 64-59 per i lombardi

Da -5 a 90 secondi dalla fine alla vittoria. Un super Pierpaolo Marini, in versione "on fire", ha trascinato l'Unieuro Forlì al successo contro una combattiva Urania Milano. Due punti sudatissimi, arpionati col cuore e con tanta grinta. Assoluto protagonista il 26enne di Atri (Teramo), autore di 23 punti, dieci dei quali negli ultimi cinque minuti, dando il la alla rimonta sul 64-59 per i lombardi. Le statistiche parlano chiaro: 43% da due (6 su 14) e cecchino dalla distanza, con un filotto di tre triple. Ma non solo: ha dispensato tre assist, recuperato due palle e preso quattro rimbalzi (tre offensivi). Con 19 di valutazione è stato il migliore dell'Unieuro.

Quella di Forlì non è la prima vittoria in un finale punto a punto: "Eravamo consapevoli che sarebbe stata una partita particolarmente tosta - sono le parole di Marini rilasciate a Sportitalia -. L'Urania è un avversario molto ostico e sta dimostrando le sue potenzialità, dando filo di torcere a tutte le squadre. Non è l'ultima arrivata. Non abbiamo avuto molto tempo per preparare la partita, ma il coach ci ha dato le giuste motivazioni. E ce l'abbiamo messa tutta per arrivare pronti".

Dopo aver chiuso il primo tempo avanti di quattro lunghezze (31-35), l'Unieuro ha faticato nel secondo tempo a trovare punti con gli esterni. Decisive sono state proprio le fiammate dell'abruzzese, segnando da tutte le parti e rispondendo alle sortite dell'ex Ravenna Matteo Montano: "Non è stata una bellissima partita, ma ci tenevamo a vincerla - è la considerazione di Marini -. Ci siamo riusciti. L'importante è continuare a lavorare sodo e rimanere con i piedi per terra".

Nelle ultime sfide sta salendo il rendimento del numero 13: "Il segreto sta nell'avere piena fiducia del coach, dei compagni, dello staff e della città che vive di pallacanestro. Io cerco di dare sempre il mio contributo, a volte riesce meglio ed altre no". E domenica c'è il derby contro Ferrara: da giovedì l'Unieuro è già al lavoro per preparare la delicata sfida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento