Jerez bis, Quartararo vince a mani basse. Rossi rinasce, Dovizioso limita i danni

Solo Sesto Andrea Dovizioso, preceduto da Takaaki  Nakagami (Honda Lcr) e Joan Mir (Suzuki). Il forlivese, partito 14esimo, ha limitato i danni, ma non aveva il ritmo delle Ducati Pramac di Bagnaia e Jack Miller, quest'ultimo finito nella sabbia.

El Diablo in versione Martillio. Semplicemente imbarazzante. Fabio Quartararo vince in stile Jorge Lorenzo e torna a casa da Jerez col bottino pieno, approfittando anche delle disavventure di Marc Marquez. Il portacolori della Yamaha del team Petronas si è preso il Gran Premio di Andalusia, secondo round del mondiale MotoGp, incassando 25 punti e piazzando il primo allungo in chiave campionato. Maverick Vinales è si arrivato secondo, ma la sua è stata una gara tutta in salita, riuscendo solo alla fine ad aver la meglio su un grandissimo Valentino Rossi, tornato sul podio dopo un lungo digiuno, 14 aprile 2019 ad Austin. Una grande risposta a chi gli dava del bollito. Un giovanotto di 41 anni che dimostra ancora che gli stimoli vanno oltre all'età. "Vale come una vittoria", ha esclamato. L'Italia poteva sognare in grande con Pecco Bagnaia e Franco Morbidelli, ma i due talenti della VR46 Academy sono stati traditi il primo dalla Ducati Pramac e il secondo dalla Yamaha Petronas. Solo sesto Andrea Dovizioso, preceduto da Takaaki Nakagami (Honda Lcr) e Joan Mir (Suzuki). Il forlivese, partito 14esimo, ha limitato i danni, ma non aveva il ritmo delle Ducati Pramac di Bagnaia e Jack Miller, quest'ultimo finito nella sabbia.

"Sono state due settimane piuttosto difficili per noi qui a Jerez, ma il lato positivo è che ci hanno permesso di raccogliere informazioni molto importanti sulle quali potremo lavorare per il futuro - esordisce Dovizioso -. Al mattinato ero riuscito a trovare un buon ritmo nel warm-up, ma le condizioni del pomeriggio erano molto diverse. Inoltre in gara ho avuto un problema che non avevo mai riscontrato durante i giorni precedenti: in centro curva, appena lasciavo andare i freni, non sentivo più l’anteriore ed è stato così fin dai primi giri. Per questo non ho potuto forzare troppo e ho preferito restare nella posizione in cui mi trovavo senza prendere rischi. Sicuramente se fossi partito più avanti, avrei potuto fare di più. Ora dovremo essere bravi ad interpretare tutti gli input raccolti in queste due settimane e prepararci al meglio per la gara di Brno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricordiamoci che Dovizioso aveva l'handicap della ferita alla clavicola e che Jerez non l'ha mai digerita, ma lo stesso forlivese ha sempre detto che a ricordare dell'infortunio era solo la ferita visibile. Ci si aspettava qualcosa in più dopo il podio di domenica scorsa, ma a compromettere il weekend è stata una qualifica disastrosa. Il problema è che manca il feeling con le nuove Michelin e soprattutto forse non sente la fiducia dagli alti piani della Ducati. Ora una settimana di pausa, poi si va a Brno. Li Dovizioso ci ha vinto nel 2018. Osare e crederci si può. Serve il click come nel 2017. L'imperterrito ha bisogno di ritrovare il suo cavallo nero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • L'aeroporto di Forlì alla conquista del Mediterraneo: si allunga la lista delle compagnie

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento