Riforma dello sport, Molea (Aics): "Più tutele sui finanziamenti agli enti di promozione sportiva"

Così Bruno Molea, presidente dell’Associazione Italiana Cultura Sport, tra i maggiori enti di promozione sportiva del Paese - forte del suo oltre milione di soci in tutta Italia - commenta la bozza di Riforma dello sport come appena presentata dal ministro allo Sport Vincenzo Spadafora

"Il Testo unico dello sport riconosce finalmente il valore sociale dello sport: non si perda questa occasione per rimarcare il ruolo degli Enti di promozione sportiva, assegnare loro una rappresentanza forte e maggiori tutele sui finanziamenti erogati. Basta disparità tra sport di vertice e sport di base". Così Bruno Molea, presidente dell’Associazione Italiana Cultura Sport, tra i maggiori enti di promozione sportiva del Paese - forte del suo oltre milione di soci in tutta Italia - commenta la bozza di Riforma dello sport come appena presentata dal ministro allo Sport Vincenzo Spadafora.

"Il Testo unico dello sport è una grande occasione e di questo va ringraziato il ministro Spadafora - precisa Molea -: per la prima volta viene riconosciuto l’alto valore sociale dello sport, si fa ordine tra gli addetti del settore con l’introduzione delle tutele lavoristiche per i collaboratori sportivi e si supera l’odiosa disparità tra sessi ancora presente nello sport professionistico. Si faccia lo stesso ora per lo sport di base: si superi la distinzione tra questo e lo sport di vertice nell’erogazione dei contributi e si assegni anche agli Enti di promozione sportiva una rappresentanza forte, capace di far sentire la voce di chi davvero promuove sport sociale e di inclusione presso le Istituzioni. Non si lascino gli Enti al ruolo marginale delle Consulte".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con il Testo unico dello sport, gli Enti di promozione sportiva spariscono dal Consiglio Coni e passano alla giurisdizione del Dipartimento per lo sport che ne riconosce l’attività. “Sia questa anche competitiva amatoriale e non solo di mera progettazione sociale - rimarca Molea -, perché proprio attraverso i nostri corsi e campionati garantiamo il coinvolgimento di bambini e meno giovani”. E ancora: “Sia rimarcato che proprio attraverso gli Enti di promozione sportiva, Sport e Salute possa erogare servizi sportivi ed educativi sul territorio, perché è quello che facciamo da sempre, specie con le scuole e le altre agenzie educative – aggiunge Molea -. Infine, nel passaggio tra Coni e Ministero, non si resti schiacciati: anche il Registro delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche, che proprio agli Enti si affiliano, ci seguano nella nostra transizione e non rimangano appannaggio del Coni".
 
Ultimo, ma non per importanza, il limite dei mandati. "L’associazionismo vive in tutta Italia un momento di grande crisi dovuta anche al calo dei volontari – spiega Molea -: a differenza del mondo dello sport di vertice, l’opera degli enti sui territori si espleta attraverso i volontari il cui turn over è sempre più difficile e lento. Molte delle rappresentanze territoriali degli Enti di promozione sportiva sono già al loro terzo mandato dirigenziale e faticano a trovare volontari sostituti: obbligarli a rinunciare al quarto mandato in breve tempo li metterebbe in grave crisi e produrrebbe una frenata d’arresto a tutto l’associazionismo sportivo. Si preveda un mandato transitorio per queste realtà, per il bene dei volontari che prestano la propria opera allo sport di inclusione".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • La Juventus di Cristiano Ronaldo atterra all'aeroporto Ridolfi di Forlì

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • Due morti e un nuovo picco di contagiati nel Forlivese, altri due casi in più alla "San Camillo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento