menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rugby, nel derby troppo Forlì per il Faenza: finisce 81-5

Il pubblico forlivese corre ad affollare le tribune dello Stadio del Rugby Inferno Monti (oltre 200 presenti) per questo derby che si preannunciava spettacolare e combattuto

Il pubblico forlivese corre ad affollare le tribune dello Stadio del Rugby Inferno Monti (oltre 200 presenti) per questo derby che si preannunciava spettacolare e combattuto e torna a casa soddisfatto con tante mete e bel gioco offerto dai biancorossi, oggi davvero inarrestabili. La partita preoccupava non poco lo staff biancorosso in quanto Faenza si presentava ai nastri di partenza come una delle candidate alle zone alte della classifica per cui l'attenzione messa dai ragazzi di Coach Zuccherelli è stata altissima.

Pronti via ed i forlivesi sono già in meta in mezzo ai pali con Santinicchia dopo soli 50 secondi che sfrutta alla perfezione un riciclo a metà campo e così, con la trasformazione di Di Bello (10 su 14 oggi al piede) si va subito 7 a 0. Passano pochi minuti e lo stesso Di Bello segna in bandierina, mancando la seguente trasformazione. Faenza si scuote e riesce ad uscire dalla propria metà campo, ma la mischia ordinata e la rimessa laterale manfreda non riescono a fornire palloni di qualità al reparto arretrato che soffre la pressione della difesa biancorossa. Gli Aquilotti Biancorossi cercano di tenere alto il ritmo e rifilano un altro uno-due a metà del primo tempo (20' e 26') al Faenza RFC con le mete di Grisolini e Benvenuti che di fatto consegnano il punto di bonus e la partita ai padroni di casa. Con la trasformazione di Di Bello si va sul 24 a 0. Gli ospiti hanno un sussulto al 30' e grazie alla loro organizzatissima rimessa laterale riescono a mandare in meta il tallonatore Barbieri, ma alla ripresa del gioco Grisolini segna ancora e con l'ennesima trasformazione si va sul 31 a 5. Forlì spinge ancora cercando di allungare e nonostante l'uscita di Ruffilli al 36' (per lui Lombardo) e quella momentanea di Berti, vera spina nel fianco per la rimessa ospite, marca ancora con Gentili ben lanciato da un'invenzione di Nanni. Il primo tempo si conclude 38 a 5.

Nell'intervallo l'unica consegna del tecnico biancorosso è quella di non calare l'attenzione e di continuare a mantenere il ritmo su livelli vertiginosi. Sardone rileva definitivamente Berti mentre Cerchier entra al posto di Santinicchia. La gara biancorossa riparte di slancio ed in nove minuti Grisolini, Nanni e Di Bello portano l'ovale in mezzo ai pali e coi quattro punti al piede sempre di Di Bello si vola sul 57 a 5. Entrano Menegazzi, D'Ambrosio e Roncuzzi per Magnani, Lanzarini e Roffilli. La partita si fa nervosa e Grisolini rimedia un cartellino rosso al 52', ma la musica non cambia con i biancorossi a farla da padroni ed i faentini che quasi mai riescono ad entrare nei 22 forlivesi. Cornacchia rileva Gordini al 53'. Una punizione di Di Bello consente al Rugby Forlì 1979 di toccare quota 60 punti, mentre al 62' Cerchier deposita l'ovale in mezzo ai pali e così il punteggio si fa sempre più impietoso per gli ospiti. Anche il Faenza RFC rimane in 14 per il cartellino rosso comminato dal direttore di gara all'apertura Pasqualini ed i forlivesi ne approfittano segnando altri 14 punti con le mete di Roncuzzi e Gentili e le relative trasformazioni di Di Bello. Sul punteggio di 81 a 5 e 10 minuti ancora da giocare i padroni di casa addormentano la partita e c'è solo il tempo per vedere un drop di Di Bello stamparsi sul palo prima che l'ottimo Farinelli spedisca tutti al Terzo Tempo.

I forlivesi sono apparsi superiori agli ospiti in ogni cosa, ma la differenza è stata fatta sicuramente dal ritmo messo in campo dai padroni di casa che non ha consentito agli ospiti di avere un attimo di respiro. Ogni reparto ed ogni singolo giocatore hanno vinto il proprio scontro diretto e la superiorità tecnica e tattica dei forlivesi è andata crescendo sempre più man mano che l'incontro andava avanti e la fatica si faceva sentire nei giocatori. "Onestamente non credo che fra il Forlì ed il Faenza ci sia questo divario, ma oggi il campo ha detto così per cui ne prendo atto" inizia Coach Zuccherelli. "Abbiamo preparato questo match con molta attenzione appunto perchè gli ospiti parevano essere una delle favorite alla vittoria finale del campionato e la concentrazione messa in campo dai ragazzi è stata esemplare. Abbiamo giocato tenendo sempre il piede sull'acceleratore ed attaccando il primo canale dove sapevamo che loro avrebbero potuto avere problemi. Il nostro piano di gioco è stato vincente ed alla fine le 12 mete sono un bel premio per i miei ragazzi. Purtroppo abbiamo peccato in disciplina ed il cartellino rosso rimediato da Grisolini non l'ho digerito".
Ora i forlivesi aspettano a Forlì il Castello reduce da una buona vittoria sul Cesena e fra sette giorni sarà ancora battaglia sul terreno dell'Inferno Monti.


RF79 - Faenza RFC 81-5 (primo tempo 38-5). Mete 12-1. Punti in classifica 5-0

RUGBY FORLI' 1979 - Faenza RFC 81-5

FORMAZIONE: Giardini, Ruffilli (36' Lombardo), Nanni, Santinicchia (41' Cerchier), Gentili, Di Bello, Benvenuti, Berti (41' Sardone), Roffilli (46' Roncuzzi), Pezzi, Grisolini, Gordini (51' Cornacchia), Lanzarini (43' D'Ambrosio), Magnani (46' Menegazzi), Asirelli. All: Zuccherelli.

MARCATORI: Di Bello 31 punti (2 mete, 1 calcio di punizione 9 trasformazioni), Grisolini 15 p.ti (3m), Gentili 10 p.ti (2m), Benvenuti 5 p.ti (1m), Santinicchia 5 p.ti (1m), Cerchier 5 p.ti (1m), Roncuzzi 5 p.ti (1m), Nanni 5 p.ti (1m).

NOTE: Giornata soleggiata, terreno in perfette condizioni. Cartellino giallo al Faenza (35'). Cartellino rosso a Grisolini (52') e Faenza (65'). Sostituzione temporanea per sangue dal 12 al 14' Lombardo per Gentili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento