menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cinquina a Scandicci, il Forlì conquista la Lega Pro

Il Forlì torna nella vecchia Serie C. La squadra di Attilio Bardi ha rifilato ben cinque gol allo Scandicci. Mattatori del match Petrascu, autore di una doppietta e Melandri, che ne ha realizzati tre

Il Forlì torna nella vecchia Serie C. La squadra di Attilio Bardi ha superato l'ostacolo Scandicci con ben cinque gol. Mattatori del match Petrascu, autore di una doppietta e Melandri, che ha chiuso una domenica storica con una splendida tripletta. Inizio di marca biancorossa, con i romagnoli a rendersi pericolosi dopo appena 3 minuti con una punizione di Evangelisti bloccata da Di Prete.

Al settimo ghiotta opportunità per Pezzi, uomo derby mercoledì scorso contro il Ravenna, che per un soffio non ha capitalizzato in rete un cross di Semeraro. All’undicesimo pericolo per la retroguardia del Forlì, con Di Tommaso che ha costretto Nunziata in una difficile parata in due tempi con un colpo di testa. L’estremo difensore è poi riuscito a gettare la sfera in calcio d’angolo prima dell’arrivo di Fabbri. Al 22’ Petrascu ha fatto esplodere l’urlo dei forlivesi, capitalizzando in rete l’ottimo assist di Melandri. Cinque giri di lancette più tardi è arrivato il raddoppio con un preciso diagonale sempre del bomber romeno. Al 43’ Melandri ha firmato il 3-0 al termine di una bellissima azione con Evangelisti.

Ad inizio ripresa il Forlì ha trovato la rete del 4-0 con Melandri, ancora una volta su assist di Petrascu. Ad innescare l'azione Mordini, che ha recuperato la sfera al limite dalla propria area, lanciando il bomber romeno che ha brillantemente servito sui piedi di Melandri la palla del 4-0. Il centravanti si è regalato poi la tripletta al 79', con un tiro dalla distanza. A Forlì comincia la festa. E sabato si annuncia un "Morgagni" tutto biancorosso per la sfida contro l'Este.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento