menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcio a 5, At.Ed.2 annuncia il nuovo centrale: è Simone Pasolini

Una possanza fisica importante unità a qualità tecniche notevoli fanno del 27enne cesenate uno dei migliori prospetti del panorama calcettistico romagnolo

Era nell’aria da alcune settimane ed ora arriva l’ufficialità, Simone Pasolini, cesenate classe 1988, sarà il nuovo centrale titolare dell’At.Ed.2.
Cresciuto nel calcio a undici nel settore giovanile del Savignano, Simone abita infatti nella vicina Sant’Angelo di Gatteo, approda giovanissimo al calcio a cinque grazie alla brillante intuizione della Futsal Cesena che vede in lui le qualità di un potenziale campione e lo inserisce nella sua formazione Juniores.

Da li vengono otto stagioni ricche di soddisfazioni e successi con l’accoppiata coppa campionato sia in C2 che in C1 e l’approdo nella passata stagione nella serie cadetta: “Il Cesena per me è stata e sarà sempre una famiglia, sono molto legato a tutti i compagni e alla società, e decidere di andar via non è stato assolutamente facile – racconta Pasolini - . in quest'ultima stagione ho giocato venti partite su ventiquattro, segnato venti reti e ci siamo salvati con diverse giornate d'anticipo conquistando il sesto posto finale risultato al di sopra di ogni più rosea aspettativa ad inizio stagione”.

E proprio le grandi prestazioni del difensore cesenate hanno attratto l’attenzione dell’At.Ed.2 che ha messo a segno un colpo di mercato già definito dalla stampa locale come un crac che potrà spostare gli equilibri del campionato: “Il Forlì ha un progetto difficile da rifiutare – continua Pasolini – si sta costruendo una squadra coi migliori talenti della zona, giocatori che ho sempre stimato da avversari e con i quali non vedo l'ora di potermi mettere in gioco per continuare il mio processo di crescita. Non credo sarà difficile ambientarmi anche perché ritrovo mister Castellani con cui ho lavorato già tre anni a Cesena”.

Una possanza fisica importante unità a qualità tecniche notevoli fanno del 27enne cesenate uno dei migliori prospetti del panorama calcettistico romagnolo che ora avrà l’opportunità di compiere il definitivo salto di qualità con la prestigiosa maglia dell’At.Ed.2e l’ambizione certo non gli manca: “Vedo in questa società un nuovo trampolino di lancio per la mia carriera e non nascondo che il mio primo obbiettivo è quello di giocare in serie A2 e voglio farlo con questa maglia riportando il Forlì nella categoria che gli compete”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento