rotate-mobile
Sport

Ecco il volto del nuovo Morgagni, gestione diretta del Forlì: "Venite allo stadio"

Uno stadio "più moderno, più accogliente, non solo per le partite della domenica, ma anche per manifestazioni non sportive". E' così che il presidente del Forlì Calcio, Stefano Fabbri immagina il nuovo Morgagni

Uno stadio “più moderno, più accogliente, non solo per le partite della domenica, ma anche per  manifestazioni non sportive”. E' così che il presidente del Forlì Calcio, Stefano Fabbri immagina il nuovo Morgagni, quello che dovrebbe essere pronto già alla fine di agosto, dopo una serie di interventi di manutenzione e migliorie. Uno stadio la cui gestione passa in mano alla società sportiva, che subentra al Comune, investendo direttamente nel restyling, ma anche occupandosi della promozione delle attività sportive.

“Il Forlì Calcio ci sta dando soddisfazioni importanti, con il raggiungimento del traguardo della serie C – ricorda il sindaco Davide Drei – e con una gestione che, con la politica dei piccoli passi, ha creato una società sana e radicata sul territorio”. L'appello che arriva sia dal primo cittadino, che dal presidente, è quello di seguire la squadra cittadina al Morgnagni, sopratutto in queste ultime gare decisive. La gestione dello stadio, affidata tramite bando, inizialmente per 15 anni,  ad un raggruppamento di imprese che vede oltre al Forlì Fc, capofila, anche due associazioni dilettantistiche, la Pool Forlì Junior e la Green Events, “e un progetto importante per una società che come la nostra deve gestirsi con l'autofinanziamento e nell'ottica di valorizzare il settore giovanile,  potendo contare, dopo i lavori, anche sulle strutture che fino ad ora restavano inutilizzate”, chiarisce Fabbri. “Questi interventi, che partono dalla necessità di eseguire lavori di adeguamento strutturale - spiega l'assessore comunale allo sport, Sara Samorì -,rientrano nella lista dei progetti di mandato che ci condurranno alla creazione del 'Parco romagnolo dello sport'”.

I LAVORI - Entra nel dettaglio degli interventi Alessandro Fossi, responsabile unità Sport del Comune di Forlì, ricordando che il Morgagni è nato tra il 1923 e il 1925, con un intervento nel 1965 che ha  visto la realizzazione del velodromo e delle tribune, dandogli, più o meno, l'aspetto odierno. “Da un paio d'anni – spiega -, sono state fatte alcune piccole rifunzionalizzazioni necessarie per affrontare i campionati di Legapro, ma serviva un restyling anche per l'adeguamento alla normativa e alle richieste avanzate dalla Figc e dalla Lega, che dopo la visita dell'impianto ha dato il beneplacito per i campionati di livello nazionale”.  I lavori si dividono in manutenzione straordinaria e rifunzionalizzazione  e migliorie. Per tutti gli interventi sarà necessario un investimento di 1 milione 830mila euro, dei quali si farà carico il Forlì Calcio per 980mila euro, comprendendo anche una parte dei lavori di manutenzione. Il resto arriverà dalle casse comunali. La fase delle gare di appalto per l'affidamento dei lavori è già conclusa e le buste saranno aperte in questi giorni, per potere partire fattivamente i primi di giugno.

Il progetto, messo a punto nelle diverse parti da Massimo Bertaccini, Iacopo Sampieri, Giovanni Gaspari e Riccardo Bandini, prevede il rifacimento completo dei servizi sotto tribuna: dagli spogliatoi, all'ufficio antidoping, dal bar ai servizi igienici. Inoltre un intervento consistente riguarderà le tribune, con il rifacimento delle gradinate e di tutte le sedute dell'area principale. Per quanto concerne l'antistadio 1, si provvederà ad un nuovo sistema drenante e fognario che consentirà di posare un manto sintetico. Con questo nuovo fondo, che ne consentirà l'utilizzo anche in caso di neve, sia per gli allenamenti  che per le partite, si andrà anche a sgravare il campo federale, che non essendo sovraccaricato di lavoro, potrà garantire attività di livello.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco il volto del nuovo Morgagni, gestione diretta del Forlì: "Venite allo stadio"

ForlìToday è in caricamento