Sport

Stop alle gare: ma il covid non ferma le attività del Circolo Schermistico Forlivese

"Rispettando scrupolosamente le disposizioni e i protocolli di sicurezza Coni e della Federazione Italiana Scherma", dice il presidente Piero Magnani

Anche in tempi di Coronavirus prosegue l’attività del Circolo Schermistico Forlivese. "Rispettando scrupolosamente le disposizioni e i protocolli di sicurezza Coni e della Federazione Italiana Scherma  - dice il presidente, Piero Magnani - gli allenamenti si svolgono regolarmente sia nella storica palestra al Ginnasio Sportivo di Forlì che nella succursale cesenate. L’obiettivo è di essere pronti quando finalmente, sembra a fine febbraio, si potrà riprendere a gareggiare".

"La stagione agonistica 2019/2020 interrotta improvvisamente con il lockdown di marzo non ha impedito al Circolo Schermistico Forlivese di ottenere risultati di eccellenza. Con la squadra dei Giovanissimi, in febbraio a Bolzano, abbiamo vinto il diciassettesimo Campionato Italiano della nostra storia, classificandoci per di più secondi e terzi con le formazioni Allieve e Allievi - prosegue Magnani -. Le vittorie e i piazzamenti ottenuti nelle poche gare disputate hanno consentito al CSF di primeggiare per il terzo anno consecutivo nella speciale classifica a punti per società nella categoria Under 14 e di portarci al quinto posto nella assoluta. Non si può scordare la presenza della prima squadra maschile in Serie A1 e di quella femminile in Serie B1. Un bel successo è stata anche l’organizzazione, per la prima volta a Forlì, del Campionato Italiano Under 23 al Pala Galassi con quasi mille partecipanti".

"Come società abbiamo dovuto affrontare molti problemi e momenti difficili a causa dell’emergenza sanitaria. Da marzo a luglio lo stop è stato totale poi una lenta ripresa. Inizialmente solo all’aperto e quindi anche in palestra ma unicamente per gli atleti di interesse nazionale, che noi abbiamo, successivamente e gradualmente per tutti - continua il presidente -. Però niente gare. Invece del frenetico susseguirsi di appuntamenti agonistici, come di solito accade da ottobre a maggio, con gare ogni fine settimana, l’attività si svolge esclusivamente con i Maestri in sala.  Alla ripresa dopo l’estate era forte il timore di abbandoni da parte di atleti ma con nostra grande soddisfazione i casi sono stati pochissimi, anzi abbiamo avuto parecchi nuovi iscritti. Evidentemente nel tempo abbiamo lavorato bene".

"Per continuare l’attività necessariamente sono state imposte regole ben precise e molto restrittive, non sempre è facile ma per andare avanti la strada giusta è questa - aggiunge -. Abbiamo limitato gli accessi alla palestra, diviso gli atleti in gruppi chiusi costantemente monitorati, imposto norme severe per l’entrata e l’uscita e vietato l’ingresso agli accompagnatori anche per i più piccoli. Un surplus di lavoro che ha interessato soprattutto Maestri e Istruttori che se ne sono fatti carico con grande disponibilità. La speranza è naturalmente di tornare presto alla normalità e potere di nuovo accompagnare i ragazzi in gara.  Il mio ringraziamento va agli atleti e ai Maestri per la serietà che dimostrano tutti i giorni, alle famiglie che ci hanno sempre stimolato e incoraggiato anche nei momenti più difficili, agli sponsor sempre al nostro fianco e all’Amministrazione cittadina che non ha fatto mancare il suo appoggio".

IMG-20201214-WA0001-2

foto-modificata-16-12-20-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop alle gare: ma il covid non ferma le attività del Circolo Schermistico Forlivese

ForlìToday è in caricamento