menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

T-Rod è in giornata no, Forlì gioca la più brutta partita della stagione: è out dalla Coppa Italia

Al PalaSport di Cervia, i biancorossi cedono ai quarti 62-67 contro lìApu Udine, che vendica quindi la sconfitta subita per mano dei romagnoli lo scorso novembre in Supercoppa

A testa basta e con tanto rammarico. Una brutta Unieuro esce subito di scena dalla Final Eight di Coppa Italia. Al PalaSport di Cervia, i biancorossi cedono ai quarti 62-67 contro lìApu Udine, che vendica quindi la sconfitta subita per mano dei romagnoli lo scorso novembre in Supercoppa. Dopo un match equilibrato, i biancorossi riescono a passare dal -4 al +8 nell’ultimo periodo, ma con un parziale di 10-2 i friulani ribaltano le sorti del match e si aggiudicano il pass per il prossimo turno, dove affronteranno la vincente di Torino-Scafati. Troppe palle perse, pessima gestione del finale, con Forlì che era avanti 62-61 all'ultimo giro di cronometro. Non pervenuto Roderick (solo 5 punti per lui), top scorer Rush (14), seguito da Giachetti (11) e Bolpin (7). "Abbiamo fatto abbastanza bene dal punto di vista difensivo, avremmo dovuto fare meglio dal punto di vista offensivo - afferma coach Sandro Dell'Agnello -. Siamo stati troppo farraginosi e la mancanza di allenamenti e di ritmo causata anche dalle assenze di Bruttini Rush e Landi, che ringrazio per averci provato al massimo delle loro possibilità, davanti ad una squadra fisica come Udine ci ha penalizzati. Merito sicuramente anche a loro, che hanno ricucito il nostro vantaggio nel finale ed hanno vinto la partita".

La partita

Dell’Agnello parte con Roderick, Rodriguez, Rush, Natali e Dilas. Equilibrio sin dall’inizio del match, Foulland guida gli ospiti, ma i biancorossi non stanno a guardare e con Bruttini, Rush e la tripla di Landi costringono Udine (in vantaggio di 2) al timeout dopo 7’17’’. Capitan Giachetti pareggia i conti, ma Mobio e Schina sono infallibili dal colorato e chiudono 11-15 il primo quarto.

Primi punti per Campori e Natali, il secondo realizza poi il libero che porta per la prima volta Forlì in vantaggio. A 13’24’’ la bomba di Johnson mette entrambe le formazioni a quota 20, regna l’equilibrio in campo fino a quando Udine non torna sopra di 4, costringendo Dell’Agnello a interrompere il gioco. A metà incontro, i friulani conducono 29-25.

Si gioca punto su punto, fino a quando la classica tripla di Aristide Landi a 22’36’’ ristabilisce la perfetta parità. Entrambe le squadre trovano un break di 5: prima Udine con la bomba di Johnson e Schina, poi Forlì con Roderick e il canestro dalla distanza di Bolpin. Nobile completa un gioco da 3 dopo aver subito fallo da “T-Rod”, che poi però va subito a segno per il 40-41. A 2’’ dallo scoccare della mezz’ora, Johnson con una bomba raggiunge quota 10 e per la terza volta permette ai suoi di essere sopra di 4 punti a fine quarto (44-48).

Show dei biancorossi in avvio di ultimo periodo: due triple di Rush, quattro punti di Giachetti e due di Bolpin. Il tutto senza mai subire nulla, completando quindi un parziale di 12-0 che porta l’Unieuro dal -4 al +8. Nonostante il break subito, Udine non ne vuol sapere di mollare, e con la bomba di Johnson fa -5. Antonutti manda in lunetta Bolpin, che è impeccabile e fa 2/2. Tripla di Giuri, timeout di Dell’Agnello. Schina, ancora dalla distanza, e Foulland, ribaltanto clamorosamente il match, fissando il 62-63 a 39’33’’. Il gran parziale di 10-2 permette ai friulani di mettere un piede in semifinale, poi Rush e Bruttini fermano irregolarmente Johnson e Antonutti, che non sbagliano nessun libero e chiudono la partita 62-67. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento