Venerdì, 17 Settembre 2021
Sport

Tennis, l'Europe Under 12 del Villa Carpena tra Wimbledon e Wembley: "Organizzazione rodata"

Dopo la sosta forzata causa Covid dell’anno scorso tornano dunque ad affollare i campi del Club forlivese

Al Tennis Villa Carpena è tutto pronto per l’avvio, previsto per domani (lunedì), dei tabelloni principali del torneo Tennis Europe Under 12, intitolato alla memoria di un pioniere dello sport forlivese come Gaio Camporesi. Dopo la sosta forzata causa Covid dell’anno scorso tornano dunque ad affollare i campi del Club forlivese alcuni dei migliori talenti in erba del tennis europeo, un grande spettacolo perché per una settimana si potranno ammirare i campioni del futuro. 

“La speranza è che la seconda edizione vada ancora meglio della prima, che ha riscosso un notevole successo - ha affermato Camporesi -; ci auguravamo una presenza internazionale superiore all’esordio e così è stato, anche se ne avremmo avuti ancora di più di giocatori provenienti dall’estero se coreani e canadesi non fossero stati fermati dalla pandemia. E comunque abbiamo più presenze dall’Europa dell’Est. Il momento è particolare, ci inseriamo tra Wimbledon e Wembley, ma già nei primi due giorni di gara si è vista parecchia gente e speriamo che sia così fino alla finale in programma sabato prossimo. Il Circolo è rodato per organizzare al meglio eventi come questo”.

Un ricordo affettuoso per il padre, Gaio Camporesi, indimenticato dirigente di alto livello dello sport forlivese: “Mio padre amava il tennis, ancora di più amava il tennis giovanile, seguiva tutti i giovani talenti, gli piaceva il loro sano spirito agonistico”. Sulla stessa lunghezza d’onda il fratello Gaddo Camporesi, ottimo tennista come Redo e naturalmente grande appassionato: “Prima che io e mio fratello arriviamo a fare quello che ha realizzato mio padre nello sport passerà ancora tanto tempo, con molto piacere siamo impegnati in questa organizzazione e pensiamo anche al futuro, sperando di elevarne il livello, magari salendo di categoria agli Under 14, il Circolo ha già un’organizzazione rodata, non avrebbe eccessivi problemi con una categoria diversa”. Parola poi al direttore del torneo, Giovanni Pacchioni: “Siamo contenti di ospitare un torneo così importante, io ed Alberto (il maestro Casadei, ndr.) l’abbiamo voluto fortemente. Vedo nell’entry list molti stranieri. La formula dopo le qualificazioni è un po’ particolare, i 32 giocatori comporranno otto gironi da quattro, il primo ogni girone approderà ai quarti, quindi lunedì, martedì e mercoledì si giocheranno sempre quaranta partite, le finali sono in programma sabato alle 17.30”.

Giovanni Pacchioni ha rivelato anche le wild-card del Circolo per il tabellone che sono andate ai giocatori del Carpena Riccardo Pretolani e Vittoria Magnani. La presidente del Circolo, Angela Bonoli, ha espresso tutta la soddisfazione per vedere al Carpena un’altra manifestazione di alto livello internazionale, mentre il dirigente Ferruccio Tassinari, in relazione alla prossima edizione del Challenger Atp, ha detto che si cercherà di cambiare la data ed innalzare il montepremi. Presente alla conferenza stampa, in rappresentanza dell’amministrazione, Albert Bentivogli. Domenica intensa al Tennis Villa Carpena che ha visto concludersi le qualificazioni. Si sono qualificati per il main-draw, tra gli altri, due allievi della Ravenna Tennis Academy al Ct Zavaglia, il ravennate Alessandro Vallicelli e Maria Vittoria Ranieri, portacolori del Ct Massa Lombarda, Antonio Muratori, promessa del Ct Rimini, e due allieve di Tennix, Agnese Stagni e la cervese Ilaria Rondinelli.

Molto interessante l’entry list dei due tornei, maschile e femminile. Nel maschile al momento il n.1 è il verucchiese Carlo Paci (Ct Zavaglia), campione italiano Under 11 in carica, nel tabellone principale anche Dennis Spircu, il riminese giù convocato per la nazionale italiana Under 12 che si allena alla Galimberti Tennis Academy di Cattolica. Con loro giocatori francesi, ucraini, austriaci, polacchi, ceki e bielorussi. In campo femminile presenze da tutta Europa, con alcune giocatrici romagnole che partono dalle qualificazioni. Il direttore del torneo è Giovanni Pacchioni, maestro dello staff tecnico del Carpena, il referee è Riccardo De Biase.

Risultati turno di qualificazione maschile: Alessandro Vallicelli-Jacopo Oppezzo 6-3, 1-6, 10-8, Tommaso Capasso-Antonluca Sirci 6-0, 6-2, Roberto Lavelli-Kevin Maugliani 6-2, 6-0, Alex Romano-Petr Minakhin (Rus) 6-0, 6-0, Alessandro Arcangeli-Francesco Muratori 6-1, 6-0, Antonio Muratori-Beniamino Savini 6-3, 6-2, Riccardo Pontigia-Gabriele Galesi 7-5, 6-2, Edoardo Gallo-Nicolau Canas (Esp) 6-1, 2-6, 10-3.

Turno di qualificazione femminile: Anna Nerelli-Crystal Aratari 6-1, 6-0, Maria Vittoria Ranieri-Camilla Fabbri 7-6 (1), 6-4, Silvia Dalle Molle-Gaia Donati 6-3, 6-0, Alessia Caselli-Vittoria Muratori 2-6, 6-3, 10-8, Ludovica Casalino-Frida Santoni 6-1, 6-4, Emma Sereni-Chiara Violante 6-3, 6-0, Ilaria Rondinelli-Maria Luce Ossani 6-3, 6-1, Agnese Stagni-Lujza Beviz 2-6, 7-5, 10-8.
Da domani si giocano i match del main-draw con partenza alle 8.30
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tennis, l'Europe Under 12 del Villa Carpena tra Wimbledon e Wembley: "Organizzazione rodata"

ForlìToday è in caricamento