Giovedì, 17 Giugno 2021
Sport

Unieuro, termina l'imbattibilità casalinga: la bestia nera Udine sbanca 74-83

Chi poteva espugnare Forlì, se non la bestia nera Udine, contro cui i biancorossi hanno perso tre volte nell'ultimo mese e mezzo

La Pallacanestro 2.015 perde al PalaGalassi, per la prima volta in questa stagione: ma per trovare l'ultima sconfitta casalinga bisogna andare indietro al 28 dicembre 2019. Chi poteva espugnare Forlì, se non la bestia nera Udine, contro cui i biancorossi hanno perso tre volte nell'ultimo mese e mezzo, che domenica sera ha sbancato 74-83 Forlì. Davvero deboli in attacco i romagnoli, con troppi errori sia da vicino che da fuori area.

Giachetti con 15 punti il top scorer dei padroni di casa, anche a causa dell'espulsione di Roderick per proteste nel terzo quarto. "Sono stati più bravi di noi e hanno sicuramente meritato la vittoria - ammette coach Sandro Dell'Agnello -. Noi abbiamo fatto un terzo quarto troppo povero offensivamente e lo abbiamo pagato a caro prezzo. Questa è stata la chiave della partita".

E' proprio l'attacco forlivese la chiave del ko, soprattutto dalla distanza con Udine a segno 11 su 27 e Forlì con sole 8 triple su 25 (da 2 19/44 contro il 16/35 di Udine). "La nostra bassa percentuale al tiro da 2 che ha amplificato questa differenza - osserva il coach -. Questo gironcino è di altissimo livello, quando si riesce a spremere il massimo si ottengono successi come con Torino e Tortona, mentre facendo un po’ meno del massimo, cambia tutto". Mercoledì sera alle 20 a Tortona i ragazzi di coach Dell'Agnello, attualmente quarti nel girone bianco, potranno riscattarsi.

La partita

Dell’Agnello parte con Rodriguez, Bolpin, Rush, Natali e Landi. L’Unieuro comincia con le marce altissime, concentrata, determinata e concreta. I primi tre canestri dei padroni di casa sono triple, firmate Bolpin (2) e Rodriguez. Anche Johnson marca il tabellino dalla distanza tra le file ospiti, a cui risponde subito Rush per il 16-11. Riccardo Bolpin trova il suo 11° punto personale, sul 21-14 coach Boniciolli chiama il minuto di sospensione. La prima frazione di gioco si chiude sul 25-19 per l'Unieuro, ottima in attacco ed efficace in difesa.

Nel secondo quarto Udine alza l'intensità fisica. Nobile ferma in maniera fallosa Roderick, permettendogli di segnare i suoi primi due punti. Forlì commette qualche errore di troppo in attacco, Udine grazie anche a un ottima difesa si porta sul -2. Giachetti perde un pallone e commette fallo antisportivo, Italiano fa 1/2 e il primo tempo si chiude 39-38. 

Gran partenza dei friulani, con un break di 6 punti per il 39-44. Super tripla di Italiano, che porta sul +8 i suoi, lo stesso massimo vantaggio che aveva precedentemente ottenuto Forlì. Molle e poco attenta la Pieffe, confusionaria in attacco. Tripla di Natali che dà ossigeno all'Unieuro, per il -8, ma i biancorossi faticano non poco a rendersi pericolosi. Si fa espellere poi Roderick per qualche parola di troppo nei confronti del direttore di gara. Sulla sirena Rush realizza in rimbalzo il canestro del 51-60. Canestro da 2 di Landi, a secco di triple nei primi tre quarti, poi Giachetti trova il -5.

Johnson da 3, poi ancora il capitano di Forlì, che senza Roderick in campo si sente ancor più leader. Il classe '83 trova il canestro del -4 con conseguente timeout ospite. Natali fa -2 e riapre tutto, poi nel miglior momento dell'Unieuro Johnson e Antonutti pescano il jolly dalla distanza: 61-69 a 3'38'' dalla fine. 67-74 a 1'5'' dal termine, coach Dell'Agnello ferma il gioco per organizzare le ultime azioni. Il sigillo sulla meritata vittoria di Udine lo mette Antonutti da fuori area, per il 68-77. Foulland schiaccia, poi Landi trova (un po' tardi...) la sua prima tripla. Finisce 74-83.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unieuro, termina l'imbattibilità casalinga: la bestia nera Udine sbanca 74-83

ForlìToday è in caricamento