Unieuro, big match col dubbio Marini e Bruttini: "Verona? Nessuno è imbattibile"

L'allenatore spera di avere tutti i giocatori a disposizione per sgambettare, a detta sua, "la squadra più ‘grossa’ del torneo"

Conto alla rovescia al lunch match contro la capolista Verona. "Nessuno è imbattibile" in questo campionato, è la premessa delcoach dell’Unieuro Sandro Dell’Agnello, ancora visibilmente irritato dalla superficiale prestazione contro Caserta. L'allenatore spera di avere tutti i giocatori a disposizione per sgambettare, a detta sua, "la squadra più ‘grossa’ del torneo". L’ex Bergamo non ha certezze sugli infortunati Pierpaolo Marini e Davide Bruttini: "Non sappiamo se riusciremo a recuperarli, non abbiamo certezze". E, tiene ad evidenziare, "non è pre tattica: venerdì sono stati fermi. Capiremo domenica mattina. Potrebbero esserci entrambi come nessuno dei due. Ha più possibilità Marini".

Dell'Agnello è tornato sulla vittoria infrasettimanale di Montegranaro: "Sono stati forse i 40 minuti più determinati e continui dell’interno campionato fino ad ora, ci piacerebbe ripetere la prestazione domenica indipendentemente da chi giocherà. Montegranaro non ha 10 punti per due tiri liberi sbagliati, non abbiamo vinto contro un ‘nessuno’". Ci potrà essere qualche piccola novità nella sfida dell'ora di pranzo: "A Montegranaro avevamo cambiato qualcosa per le rotazione ridotte, domenica cambieremo qualche virgola in relazione alle caratteristiche dell’avversario".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fisicità è la principale caratteristica della squadra capolista: "Loro probabilmente sono la squadra più grossa del torneo. I loro muscoli e centimetri non ci spaventano e non ci mettono ansia, perché anche noi abbiamo le armi con cui poterli battere. Certo, mi farebbe piacere se Davide riuscisse a darci una mano, altrimenti faremo in un altro modo". Per gestire settimane così impegnative (tre match in sette giorni), la chiave principale è solo una: "Non parlarne. Io non ne parlo mai con la squadra e non voglio sottolineare chi non c’è perché poi diventa un alibi". Anche Verona ha fatto qualche passo falso in questo campionato: "Ha perso in casa contro Piacenza e ad Orzinuovi, partite scontate non ce ne sono. Credo che anche loro abbiano qualche punticino debole, noi cercheremo di infilare un dito in quei buchettini che riusciremo a trovare. Mi sembra che il campionato dica che nessuno è imbattibile". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento