Intensa e cattiva, pranzo spettacolo con l'Unieuro: demolita la capolista Verona

L'appuntamento domenicale dell'ora di pranzo ha confermatato la tesi portata avanti dall’inizio del campionato da coach Dell’Agnello

Lucida, attenta, aggressiva e meravigliosamente bella. Dopo Montegranaro l'Unieuro 2.015 mette in ginocchio la capolista Verona nel lunch match delle 12 per 83-69. Prestazione esaltante degli uomini di coach Sandro Dell’Agnello, senza dubbio la migliore della stagione. Difesa praticamente impeccabile, Giachetti man of the match con 24 punti in versione ‘americana’. L'appuntamento domenicale dell'ora di pranzo ha confermatato la tesi portata avanti dall’inizio del campionato da coach Dell’Agnello: nessuno si è preso in mano il campionato e non esiste una formazione schiacciasassi. Altro che crisi, una Forlì come quella vista contro gli scaligeri può giocarsela davvero contro chiunque. Fondamentale sarà la continuità nei prossimi incontri, per dimostrare il continuo percorso di crescita di cui tanto si parla in società. Prossimo appuntamento domenica prossima alle 18 a Roseto.

La partita

Stringe i denti Marini e parte titolare, segnando i primi tre punti di Forlì (di cui uno dalla lunetta). Buon impatto difensivo dei padroni di casa, che respingono gli assalti scaligeri senza risultare particolarmente fallosi. Tomasini il primo scorer degli ospiti, che a 2’31’’ segna il 3-2. Timeout Unieuro a 5’34’’ dopo il canestro di Udom che porta per la prima volta Verona avanti (9-10). Break Forlì, che con Bruttini (4) e Giacchetti si porta sul 15-10, costringendo Dalmonte a spendere il suo primo timeout. Continuano con grinta i romagnoli, capitan Giachetti da solo porta i suoi a quota 20 esaltando il PalaFiera. Il boato dei tifosi arriva poi sul gong, quando il pregevole tentativo di Benvenuti dall’interno dell’area si concretizza portando a 7 le lunghezze di vantaggio per i biancorossi (24-17). Grande impatto di Giachetti sul match, autore di 9 punti e 2 assist. A secco gli americani, con Dell’Agnello che chiede ulteriore intensità. Carattere è invece ciò che pretende il coach ospite Dalmonte.

Fatica Verona in fase offensiva, col solo Hasbrouck in grado di fare la differenza: è proprio il 41 il maggiore ricercato dagli ospiti vista la sua precisione al tiro. La prima ‘pausa’ del secondo quarto arriva per gli ospiti a 5:10, dopo i 4 punti di Rush, molto convinto di attaccare il canestro. Morde la difesa forlivese, non concedendo tiri facili alla capolista. Tripla del numero 1 americano a 9’4’’ per il 39-30, poi 2/2 liberi per Hasbrouck. Altra bomba per i padroni di casa con Giachetti, che con 14 punti e due assist pare ‘americanizzato’. Negli ultimi secondi del quarto c’è tempo per un canestro di Tomassini. A metà partita, Forlì conduce 42-34. Nonostante 3/16 da tre, Dell’Agnello può dirsi soddisfatto della solidità mantenuta dai suoi ragazzi, oggi armati di lotta al rimbalzo e tanta corsa. Non hanno invece ancora trovato l’assetto giusto gli ospiti, senza sufficiente cattiveria agonistica e meno fluidi del solito nella prima parte del match, col solo Tomasini che cerca di dare una quadra ai suoi.

Partono forte i gialloblù, che dimezzano lo svantaggio con due triple ravvicinate, poi però arriva la prima bomba anche dalle mani di Watson, che anticipa una schiacciata di Lorenzo Benvenuti: 49-40 a 3’12’’. Diventano dieci a 4’10’’ le lunghezze di vantaggio dei biancorossi, ‘Mo’ Watson raggiunge quota 7 punti. Tiene alta la concentrazione Forlì, che a 7’29’’ fa esplodere di gioia il palazzetto: Rush, servito da Marini, schiaccia fissando un pesante 61-50. E' uno show. Timeout Unieuro a 8’29’’ ad allentare l’adrenalina sul 61-53. Break di 5 di un’inossidabile Giachetti, con una bomba sullo scadere del quarto che tiene Forlì sopra di 11 (66-55).

Premono più che possono gli scaligeri, che cercano i 3 punti da fuori e li trovano a 2’24’’ col solito Hasbrouck (68-60).Benvenuti schiaccia e fissa il 72-60, timeout Verona: Dalmonte vede dietro l’angolo il terzo ko del campionato. Rush dall’interno dell’area: 74-60, lo scarto in favore è sempre più pesante a 5’38’’ dalla fine. Altro time per Tezenis con 2’50’’ ancora da giocare sul 78-64. Tripla Dell’’infinito Giachetti, a cui risponde a sua volta da fuori Tomassini (81-67). Si chiude sulle note di Romagna Mia il successo dei biancorossi, omaggiati da tutto il PalaFiera per l’83-69 finale.

Tabellino

UNIEURO FORLÌ – TEZENIS VERONA 83 – 69 (24-17; 42-34; 66-50)

UNIEURO FORLÌ: Rush 13, Kitsing NE, Giachetti 24, Campori, Watson JR 9, Petrovic, Marini 11, Cinti NE, Dilas NE, Benvenuti 12, Bruttini 8, Ndoja 6. All: Dell’Agnello.

TEZENIS VERONA: Poletti 2, Guglielmi ne, Love 10, Tomassini 11, Candussi 17, Prandin 1, Rosselli 4, Udom 7, Severini 3, Morgillo NE, Hasbrouck 14. All: Dalmonte.

SPETTATORI: 3456.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento