Test con Faenza, Unieuro alla ricerca del giusto ritmo. Aristide Landi ha la mano già calda

Ancora molta strada da fare in vista dell’esordio in Supercoppa, a stupire Aristide Landi (il migliore con 20, letale dalla distanza) e l’esclusione per l’intero match di capitan Giachetti

Dopo oltre sette mesi, l’Unieuro Forlì torna a calpestare il parquette del PalaFiera: lo fa con una vittoria, seppur in amichevole, contro Faenza dell'ex “Pomo” Alberto Serra. 77-62 il risultato di un match tutt’altro che in discesa per i biancorossi, spesso costretti a rincorrere gli avversari, apparsi più avanti di condizione. Ancora molta strada da fare in vista dell’esordio in Supercoppa, a stupire Aristide Landi (il migliore con 20 punti, letale dalla distanza) e l’esclusione per l’intero match di capitan Giachetti.



Sono di Rodriguez i primi due punti biancorossi, che insacca altrettanti tiri liberi. I padroni di casa peccano di lucidità sotto canestro, gli ospiti ne approfittano e costringono Dell’Agnello a 2’19” al primo timeout del match, sul 2-6. Prima bomba per il “nuovo” Aristide Landi, a cui segue il 4º punto dell’altro neo biancorosso Rodríguez, che riporta avanti Forlì. Prima tripla anche per Faenza, che con Rubbini fa 8-11. Forlì preme sull’acceleratore, pur con affanno sotto canestro: Bruttini manca il tap-in, su ribaltamento di fronte Anumba fa 17-16. Landi si conferma letale dalla distanza, portando sul finale del primo quarto i suoi avanti di 6: 22-16.

Ripartono bene gli ospiti, con un break di 4, poi Roderick trova la tripla del 25-20. Ospiti che, nonostante una condizione fisica più avanzata, accusano la differenza di categoria e non riescono ad avvicinare le lunghezze forlivesi (31-23 a circa metà secondo quarto). Erroraccio di un Rodríguez in evidente affanno, che regala palla ad Anumba, bravo a realizzare in schiacciata il 41-36. Solaroli realizza allo scadere della prima metà di gioco la bomba del 42-41, Testa lo imita ad inizio terzo quarto e riporta avanti i suoi.

Forlì che accusa il colpo, ancora Testa dalla distanza insacca, Roderick prova ad imitarlo ma senza successo. Si gioca punto su punto, senza che nessuno riesca ad imporsi sull’altro: 55-49 a 28’21”. Spazio per il giovane classe 2003 Babacar, rimane invece a guardare i compagni dalla panchina capitan Giachetti. Rodríguez prende fallo allo scoccare della mezz’ora, realizzando i due liberi del 61-53.  Bomba di Landi per il massimo vantaggio dei padroni di casa, 66-55. Continua a pungere da fuori il classe ‘94: 5 su 7 tentativi, 71-55 con Faenza ormai alle corde dopo aver dato tutto. Agli sgoccioli Dell’Agnello inserisce anche Zambianchi, il match finisce 77-62.

Unieuro Forlì – Raggisolaris Faenza 77-62 (22-16; 20-25; 19-12; 16-9)

Unieuro Forlì: Bruttini 5, Natali 10, Rodriguez 6, Roderick 11, Dilas 4, Campori 7, Zambianchi, Babacar, Bolpin 14, Landi 20, Rush NE, Giachetti NE. All: Dell’Agnello.
Rekico Faenza: Testa 10, Anumba 10, Rubbini 7, Marabini, Dell’Omo NE, Ballabio 4, Ly-Lee, Filippini 12, Fuschini NE, Solaroli 4, Bartolini, Petrucci 15. All: Serra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • Ora è ufficiale: da domenica Emilia Romagna in zona gialla. Bar e ristoranti riaprono fino alle 18. Poi solo asporto o consegne a domicilio

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta: nuovo incidente sulla "Bidentina" - LE FOTO

Torna su
ForlìToday è in caricamento