rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Sport

Unieuro, vittoria scaccia pensieri a Piombino 59-60

Senza Bonacini, con Vico di fatto out per falli, in un campo affatto semplice, Forlì con carattere piazza la zampata che scaccia i fantasmi post Piacenza. La testa classifica resta saldamente in mano biancorossa.

Di misura ma vince e tiene la testa del girone. Forlì scende a Piombino – uno dei campi più caldi e difficili del girone – e pur priva dell’infortunato Stefano Bonacini e con il bomber Vico di fatto out per una complicata gestione dei falli (appena 15’30” i minuti passati in campo), dopo 40’ di bagarre, riesce a far suoi i due punti che valgono a consolidare la prima piazza. Un match, affatto scontato, già in sede di analisi, con i toscani sempre galvanizzati dal proprio pubblico e forti di un terzetto di giocatori di assoluto valore – la giovane guardia Mattia Venucci (25 punti e un certo futuro a piani più alti), il senatore Mario Gigena e Salvatore Genovese – deciso solo nel finale grazie ai punti di Rombaldoni, la presenza di Rotondo e l’equilibrio assicurato dal playmaking di Ferri. I romagnoli, inseguitori per 30’, solo nell’ultimo periodo si sono guadagnati un mini vantaggio, amministrato con fatica fino alla sirena, soprattutto considerato che Venucci – mvp fino a quel momento – ha mancato la doppia occasione per il sorpasso a fil di sirena. La partita. Parte carica a molla il Basket Golfo, spinta dalle sfuriate di Venucci (9-4, 3’) e da difesa di complessa traduzione che complicano i giochi Unieuro. Forlì incrementa l’intensità e mentre l’asse Ferri-Rotondo piazza il pareggio 9-9, 5’10”) crollano le percentuali generali. Solo uno sprint generale a fine quarto (chiuso 18-15) che vede ancora protagonista il giovane prodotto locale, Venucci, riaccende gli animi. Il secondo periodo è regno delle difese. Solo al 3’ si registra il primo cesto con Iardella. La tripla di Arrigoni (20-18, 4’) non evita lo strappo Golfo sempre firmto da Iardella che a metà segna il massimo vantaggio locale: +7, 25-18. Forlì fatica, tra palle perse e difficoltà nella lettura delle difese toscane. Vico a 7’20” mette una tripla che profuma di primavera (25-21) ma non c’è tempo di far festa che un tecnico all’italo-argentino – il suo quarto fallo – lo mette di fatto fuori dai giochi. Non c’è fortunatamente tempo per deragliamenti romagnoli e dall’arco Ferri tieni l’equilibrio al risposo: 28-24. Nella ripresa il match s’accende: si susseguono colpi dall’arco (3 triple per Piombino) cui rispondono prontamente Ferri e capitan Rombaldoni (39-37, 25’50”). Pederzini da 6 metri mette la patta (39-39) e con Rotondo, l’Unieuro allunga per la prima volta 43-45. Ma la concentrazione e la fame dei toscani è tale che anche la capolista paga pegno al solito Venucci: si va al mini intervallo 46-45. L’ultimo periodo vede, ovviamente, Vico di nuovo sul parquet dopo i tanti minuti passati in panca. Si susseguono colpi e risposte, con leggero vantaggio P2.015: triple di Arrigoni e Ferri per il +9, 49-57 (34’10”). Piombino non molla, anzi, si rifà sotto con difese serrate, un pio di iniziative di Genovese (55-57, 36’10”) che prelude al nuovo pareggio di Franceschini: 57-57. La palla comincia a farsi pesante, Pignatti fa 1 su 2 dall’arco, spaio il punteggio: 57-58 (2’). Fortunatamente neppure Piombino ha gran feeling coi cesti e in una fase di stallo, dalla libera, Ferri mette la freccia: 59-60. Garelli chiama time-out con 26” da amministrare. Al rientro Rombaldoni commette fallo su Persico. Dalla rimessa nascono due occasioni consecutive per Venucci (tripla e tiro da rimbalzo offensivo) che però la guardia sbaglia.

Golfo Basket Piombino – Unieuro Forlì 59-60
(18-15; 28-24; 46-45)

PIOMBINO – Guerrieri 3, Persico 4, Venucci 25, Bianchi, Genovese 11, Pedroni, Iardella 12, Franceschini 2, Gigena 2, Mari ne. All. Padovano
UNIERURO – Rotondo 15, Vico 8, Ferri 10, Pederzini 2, Pignatti 7, Rombaldoni 10, Iattoni ne, Arrigoni 8, Bonacini ne, Biandolino ne. All. Garelli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unieuro, vittoria scaccia pensieri a Piombino 59-60

ForlìToday è in caricamento