menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volley, il bilancio di coach Mascetti: "E' decisamente buono"

Il tecnico della Softer Volley Forlì, Stefano Mascetti, traccia un primo bilancio al termine del girone di andata. “Il livello è quello che ci aspettavamo, con squadre improntate per poter arrivare almeno ai playoff"

Il tecnico della Softer Volley Forlì, Stefano Mascetti, traccia un primo bilancio al termine del girone di andata. “Il livello è quello che ci aspettavamo, con squadre improntate per poter arrivare almeno ai playoff e con giocatori provenienti da categorie superiori, come la nostra. E' decisamente buono, ce lo aspettavamo e non ho trovato differenze da quello che pensavamo”.

Dov'è migliorata la So.f.ter Volley Forlì?
Speravamo che alcuni giovani migliorassero, ma non così velocemente. Siamo contenti del fatto che alcuni di loro stanno emergendo in maniera importante. Altro punto in cui siamo cresciuti è l'amalgama, un fattore importante in tutti gli sport di squadra. La nostra compagine è nuovissima, con due giocatori d'esperienza e molti giovani che si conoscevano ma non avevano mai giocato insieme.

Dove può migliorare?
Abbiamo tanti giovani che devono crescere sotto l'aspetto caratteriale, che hanno bisogno di giocare per affrontare in maniera importante l'aspetto emotivo della partita.

Con quali obiettivi affronterete il girone di ritorno?
L'affronteremo con l'obiettivo di far crescere ancora di più i giovani, migliorare l'insieme e l'aspetto caratteriale. Senza dimenticare l'aspetto agonistico: anche per questo non ci dispiacerebbe disputare i play off. Però dovremo fare meglio fuori casa rispetto a quanto fatto fino ad ora. Inoltre, in casa affronteremo i primi della classe, se fai bene con loro ci sono buone possibilità.

Quale giocatore l'ha sorpresa maggiormente?
Premetto che non voglio fare il diplomatico. Detto ciò dovrei citare tanti giocatori per quello che hanno fatto fino ad ora come Kunda che ci sorprende sempre o la dedizione di Bovolenta. Ma anche i giovani che stanno crescendo, gli altri ragazzi che vogliono dare una mano alla squadra e quelli che lottano per conquistare una maglia da titolare. Non c'è un giocatore in particolare, ma tanti per diversi motivi.

Fate un pensierino alla promozione in serie B1?
Sinceramente no, alla promozione vera e propria no. Ai playoff, però, tutto è possibile. L'accesso diretto alla serie B1 è lontano tanti punti e ci sono compagini più attrezzate della nostra. Ma chi arriva ai playoff è perchè ha 'fame' e, ripeto, nei playoff può accadere di tutto. 

Se l'aspettava così la sua avventura sulla panchina di Forlì?
Sono felicissimo di allenare la So.f.ter per tanti motivi; è l'avventura che mi aspettavo. L'unico rammarico è che vorrei sempre vincere e non essendoci riuscito sono un po' arrabbiato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento