menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volley, la Banca di Forlì cerca la svolta contro la Foppapedretti Bergamo

La Banca di Forlì è chiamata a cercarla già da domenica prossima quando, con fischio di inizio alle ore 18, affronterà a Bergamo la Foppapedretti dell’ex Federica Stufi

Che vogliate chiamarla svolta al proprio campionato o reazione d’orgoglio, la sostanza cambia di poco. La Banca di Forlì è chiamata a cercarla già da domenica prossima quando, con fischio di inizio alle ore 18, affronterà a Bergamo la Foppapedretti dell’ex Federica Stufi. Le sconfitte rimediate, ma soprattutto la conquista dei punti in classifica iniziata anche da Novara e Urbino, costringe Ventura e compagne a scendere in campo nella sesta giornata della Master Group Volley Cup – 69° Campionato Serie A1 femminile con una rinnovata determinazione. Il percorso netto di vittorie della squadra orobica si è interrotto domenica scorsa a Busto Arsizio e la Banca di Forlì dovrà tenere a bada la voglia di riscatto di una squadra giovane e ricca di talenti.

LE AVVERSARIE
La Foppapedretti Bergamo ha confermato in questa stagione la politica iniziata nello scorso campionato che ha fatto arrivare nel club in attività più titolato una serie di giovani talenti, capaci di onorare la prestigiosa maglia rossoblu. Dalla passata stagione è rimasto sulla panchina il tecnico piemontese Stefano Lavarini e quattro giocatrici del sestetto, fondamentali per l’equilibrio della squadra. Immutata la diagonale palleggiatrice – opposta con la tedesca Weiss in regia e Valentina Diouf principale terminale offensivo. In difesa c’è uno dei liberi italiani più forti, Enrica Merlo, la quale negli anni ha saputo diventare una bandiera per i propri tifosi. A coadiuvarla in seconda linea e chirurgica in attacco c’è la schiacciatrice serba Blagojevic. Le novità del sestetto orobico sono rappresentate dalle centrali Folie e Stufi e dalla schiacciatrice Sylla. Primi cambi a disposizione sono la schiacciatrice Klisura e la centrale Melandri.

QUI BANCA DI FORLI’ - Sentimenti contrastanti hanno caratterizzato la settimana della Banca di Forlì. In palestra erano tangibili sia la delusione per la partita incolore di Ornavasso, sia la determinazione e l’orgoglio di riscattarsi e rimettersi subito in gioco. Biagio Marone sa già che a Bergamo sarà costretto a rinunciare a Sara Coriani: il secondo libero della formazione forlivese è stato fermato in settimana da una colica che la obbliga ad un riposo forzato di cinque giorni.

LE DICHIARAZIONI - “L’unico modo di reagire alla profonda delusione che ha caratterizzato il post Ornavasso è quello di dare tutto ed anche di più nel match contro Bergamo - sottolinea Biagio Marone -. In questi primi turni le avversarie hanno dimostrato di essere una buona squadra, giovane ma con il talento necessario per stare in scia con le prime del campionato. E’ inciampata in Coppa Italia e nell’ultimo turno di campionato, ma sa lottare su ogni pallone. Diouf è il principale attaccante ma pericolosa è anche la potenza di Sylla e le fast della nostra ex Stufi. Dobbiamo essere pronti a far fatica ed a soffrire. In questo momento non posiamo fermarci a ragionare sul valore di chi avremo di volta in volta dall’altra parte della rete. Il centro di tutto siamo noi e l’approccio che avremo nelle prossime gare. Di sicuro voglio che Bergamo sia una gara di definita discontinuità con quella di Ornavasso. Dobbiamo lottare alla morte con ogni avversaria, è questa l’unica ricetta per una squadra come la nostra”.

“L’ultima sconfitta è stata un colpo - afferma Paola Paggi - Nessuna di noi si aspettativa una partita del genere e la delusione provata è stata davvero amara da mandare giù. Nello sport, però, non ci si può fermare e soprattutto non ci si può arrendere quando i risultati non arrivano. Bisogna continuare a lavorare e tornare a giocare. Domenica siamo attese da una squadra blasonata e da un palazzetto che mi creerà ancora emozioni. Sappiamo che saremo messe in difficoltà, ma noi dobbiamo essere concentrate su noi stesse, sulla nostra voglia di uscire da questa situazione, di crescere come squadra. L’aumentare della pressione potrebbe toglierci lucidità perché non è mai facile affacciarsi alla sesta giornata senza vittorie e senza punti, ma dobbiamo fare di tutto per mantenerla. Sappiamo che tutti si aspettano una reazione, siamo noi le prime a volerla, sarà importante riuscire a non farsi schiacciare da tutto questo peso psicologico ed a trasformare tutto questo in energia positiva.”

PRECEDENTI
Storia contro Forlì: nei 18 precedenti archiviati le orobiche si sono sempre riuscite ad imporre.

EX - Oltre a Paola Paggi (a Bergamo dal 2002 al 2007), ex dell’incontro sono Carmen Turlea (a Bergamo dal 2001 al 2003) e Federica Stufi(a Forlì nella scorsa stagione)

ARBITRI - L’incontro sarà diretto da Silvano Valeriani (Roma) e Luca Andreoni (Lissone – MI)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento