rotate-mobile
/~shared/avatars/15528003740325/avatar_1.img

Germano

Rank 5.0 punti

Iscritto venerdì, 27 settembre 2019

Feci di cani non raccolte dai padroni

"Cara signora Mirka, le mando il link da dove ho preso questa notizia:https://www.ibdna.it/test-dna-feci-cane/. E' un articolo della "inrternational biosciences" dal titolo: "Il Test del DNA sulle Feci del Cane". Magari saà una notizia non controllata, ma non mi sembra...... Lei afferma che le feci umane sono più infette di quelle dei cani ..... non lo so ... certo è che noi umani non andiamo a defecare in giro né a fare pipì sui muri degli altri in città. Comunque se io non ho offeso nessuno, mi sono solo lamentato di un degrado che non accenna a diminuire, lei, però, supponendo che io abbia fatto del terrorismo verso gli animali, non mi sembra si sia limitata ad argomentare. E' come se avesse supposto che io faccio del terrorismo ....... e questo non è accettabile. Non si offende mai, né in maniera celata né tantomeno palese...... argomentare civilmente è la maniera per dialogare. Piuttosto le pongo un'altra questione: se un cane defeca in un giardino pubblico, e il padrone raccoglie le feci, dopo lei farebbe sedere suo figlio su quel prato? o lei stessa si stenderebbe su quel prato????? penso proprio di NO..... quale è la soluzione? non lo so, ma fatto sta che le nostra città sono piene di pipì di cani negli angoli per strada. Non c'è più una colonnina che non abbia la base annerita dalla pipì dei cani. E quando inizia il caldo si sente anche cattivo odore..... e io dovrei portare a spasso mio figlio piccolo in mezzo alla pipì accumulata di cani in città, o farlo giocare dove è stata raccolta poco prima delle feci di cane??? La prego, prima di supporre che io faccia terrorismo, risponda a questa domanda e mi dica se non c'è una forma di menefreghismo da parte di qualcuno..... Ripeto non c'è una soluzione a tutto questo, se non forse inventarsi dei WC per cani, o usare una lettiera come si fa per i cani. Fatto sta, che al momento io non vado in questo prato fuori casa poiché mi fa schifo, schifo perché anche se la raccolgono, resta sempre sporco ..... per non parlare della pipì...... Alcuni comuni, ma non ricordo quali, hanno imposto ai proprietari dei cani di portare una bottiglia di acqua per poter pulire dove fanno pipì, ma non credo che si pulisca come era prima della pipì... Insomma in conclusione siamo immersi nella cacca e nella pipì dei cani, e lei mi dice che forse faccio del terrorismo????? ma non va in giro e non vede gli innumerevoli cartelli che i poveri negozianti mettono fuori le loro attività pregando di portare il cane altrove per i suoi bisogni e non sul muro dei loro negozi???? Una soluzione si deve trovare.... ma il DNA è solo un primo passo, perché , come ho detto, il luogo dove i cani defecano e urinano, resta sempre sporco. Dal mio punto di vista si potrebbe provare a utilizzare le lettiere come i gatti, se fosse possibile educare un cane a farla lì. I cani sono i vostri? allora gestite anche i loro escrementi a casa vostra e non in luoghi pubblici........ In conclusione, in alcune città molto affollate e di pregio, spesso i proprietari dei cani, ma quelli veramente accorti, portano i loro cani fra la folla in passeggini per cani, o in braccio, per evitare appunto che sporchino per strada........ seppur dopo pulirebbero ....... La saluto e la invito a considerare tutta questa questione prima di parlare di terrorismo verso gli animali. fra l'altro, io sono stato proprietario di un cane quando ero adolescente. Ora, in età adulta vorrei tanto un cane, ma valuto tutte queste problematiche, per cui desisto, per una forma di considerazione verso il prossimo. Forse se abitassi in campagna o se avessi una villa con giardino (come quella dei miei genitori quando avevo il cane) allora sì, allora sarebbe fattibile pensare di accogliere in casa un altro membro a quattro zampe. A parte che mio fa rabbia il mercimonio sugli animali da compagnia: cioè pagare per un cane o un gatto per me è assurdo."

2 commenti

Feci di cani non raccolte dai padroni

"Cara signora Mirka, le mando il link da dove ho preso questa notizia:https://www.ibdna.it/test-dna-feci-cane/. E' un articolo della "inrternational biosciences" dal titolo: "Il Test del DNA sulle Feci del Cane". Magari saà una notizia non controllata, ma non mi sembra...... Lei afferma che le feci umane sono più infette di quelle dei cani ..... non lo so ... certo è che noi umani non andiamo a defecare in giro né a fare pipì sui muri degli altri in città. Comunque se io non ho offeso nessuno, mi sono solo lamentato di un degrado che non accenna a diminuire, lei, però, supponendo che io abbia fatto del terrorismo verso gli animali, non mi sembra si sia limitata ad argomentare. E' come se avesse supposto che io faccio del terrorismo ....... e questo non è accettabile. Non si offende mai, né in maniera celata né tantomeno palese...... argomentare civilmente è la maniera per dialogare. Piuttosto le pongo un'altra questione: se un cane defeca in un giardino pubblico, e il padrone raccoglie le feci, dopo lei farebbe sedere suo figlio su quel prato? o lei stessa si stenderebbe su quel prato????? penso proprio di NO..... quale è la soluzione? non lo so, ma fatto sta che le nostra città sono piene di pipì di cani negli angoli per strada. Non c'è più una colonnina che non abbia la base annerita dalla pipì dei cani. E quando inizia il caldo si sente anche cattivo odore..... e io dovrei portare a spasso mio figlio piccolo in mezzo alla pipì accumulata di cani in città, o farlo giocare dove è stata raccolta poco prima delle feci di cane??? La prego, prima di supporre che io faccia terrorismo, risponda a questa domanda e mi dica se non c'è una forma di menefreghismo da parte di qualcuno..... Ripeto non c'è una soluzione a tutto questo, se non forse inventarsi dei WC per cani, o usare una lettiera come si fa per i cani. Fatto sta, che al momento io non vado in questo prato fuori casa poiché mi fa schifo, schifo perché anche se la raccolgono, resta sempre sporco ..... per non parlare della pipì...... Alcuni comuni, ma non ricordo quali, hanno imposto ai proprietari dei cani di portare una bottiglia di acqua per poter pulire dove fanno pipì, ma non credo che si pulisca come era prima della pipì... Insomma in conclusione siamo immersi nella cacca e nella pipì dei cani, e lei mi dice che forse faccio del terrorismo????? ma non va in giro e non vede gli innumerevoli cartelli che i poveri negozianti mettono fuori le loro attività pregando di portare il cane altrove per i suoi bisogni e non sul muro dei loro negozi???? Una soluzione si deve trovare.... ma il DNA è solo un primo passo, perché , come ho detto, il luogo dove i cani defecano e urinano, resta sempre sporco. Dal mio punto di vista si potrebbe provare a utilizzare le lettiere come i gatti, se fosse possibile educare un cane a farla lì. I cani sono i vostri? allora gestite anche i loro escrementi a casa vostra e non in luoghi pubblici........ In conclusione, in alcune città molto affollate e di pregio, spesso i proprietari dei cani, ma quelli veramente accorti, portano i loro cani fra la folla in passeggini per cani, o in braccio, per evitare appunto che sporchino per strada........ seppur dopo pulirebbero ....... La saluto e la invito a considerare tutta questa questione prima di parlare di terrorismo verso gli animali. fra l'altro, io sono stato proprietario di un cane quando ero adolescente. Ora, in età adulta vorrei tanto un cane, ma valuto tutte queste problematiche, per cui desisto, per una forma di considerazione verso il prossimo. Forse se abitassi in campagna o se avessi una villa con giardino (come quella dei miei genitori quando avevo il cane) allora sì, allora sarebbe fattibile pensare di accogliere in casa un altro membro a quattro zampe. A parte che mio fa rabbia il mercimonio sugli animali da compagnia: cioè pagare per un cane o un gatto per me è assurdo."

2 commenti
ForlìToday è in caricamento