Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assemblea sul marciapiede per i lavoratori della casa di riposo Zangheri: "Riceveteci"

 

I sindacati della funzione pubblica Fp-Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, lamentando un perdurare delle difficoltà di confronto e relazione sindacale con la direzione della Casa di Riposo Pietro Zangheri, hanno indetto per mercoledì pomeriggio un'assemblea sindacale dei lavoratori operanti presso la struttura. L'assemblea, stante le misure di contenimento del COVID 19 , che interessano in maniera particolare le strutture residenziali per anziani, si è tenuta sul marciapiede antistante l'ingresso della Casa di Riposo in Via Andrelini 5.

Spiega una nota: "La direzione ad oggi continua ad ignorare tutte le richieste d'incontro formulate dalle organizzazioni sindacali, pur essendoci  le condizioni, informatiche e organizzative, avendo in presenza tutte le figure deputate al confronto. Non si comprende se tale comportamento elusivo dipenda da un'inesperienza del nuovo Consiglio d'Aministrazione o da un atteggiamento voluto, volto a sminuire le problematiche esistenti in struttura.  Tutto ciò in ogni caso desta  grande preoccupazione. Il Consiglio d'Amministrazione continua a rinviare l'incontro all'insediamento del nuovo sirettore che avverrà solo a dicembre, ma in questi due ultimi mesi di ”vacanza” della figura titolare,  la struttura ha cumulato diverse problematiche organizzative e contrattuali: difficoltà organizzative e assistenziali presso i reparti del Pensionato (Rivalta, Minardi, Polignieri, Magnani e Vassura); pianificazione turni e piani di lavoro e assistenziali del personale; carenza di personale assistenziale (operatori socio sanitari); mancanza di personale qualificato utilizzato dalla Cooperativa; mancato riconoscimento istituti contrattuali dettati anche dalla gestione emergenza COVID 19. Vorremmo evitare di rivivere la situazione caotica e drammatica vissuta dal personale e dagli ospiti nella prima ondata COVID, già a suo tempo evidenziata e fatta emergere  tramite apposite segnalazioni e richieste d'intervento. Come già espresso al Presidente del Consiglio d'Amministrazione, Zambianchì, è ormai diventata una situazione d'urgenza non più rinviabile, occorre incontrarci e provare a risolvere le problematiche in essere".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento