Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' la prima in Emilia Romagna: Forlì sperimenta il prototipo della "Casa della salute urbana"

"Siamo un gruppo molto coeso - ha chiarito il cordinatore medico del Nucleo di Cure Primarie, dottor Marco Ragazzini - e abbiamo lavorato con molto entusiasmo a questo progetto per i nostri pazienti e per la città"

 

E' la nuova frontiera dei medici di base: dare assistenza a malati cronici in modo innovativo, puntando sulla prevenzione e su percorsi di cura continuativi nel tempo. In attesa della Casa della Salute urbana, i medici di medicina generale del Nucleo di Cure Primarie 2 hanno deciso di impegnarsi in un progetto che ha portato all'ampliamento dei servizi, con nuovi ambulatori e sale d'attesa nell'edificio di via Risorgimento 281 (sopra la farmacia comunale ex zona Iva), passando da 270 a 450 metri quadri. Nello spazio aggiuntivo presteranno servizio nove medici, per un bacino di oltre 12mila forlivesi assistiti. I medici che costituiscono il nuclei sono Morena Contri, Fabio Martines, Franco Pieri, Marco Ragazzini, Liliana Zambelli, Sara Cangialeoni, Eugenio Ghetti, Armadio Valpiani e Giulia Spazzoli. Nuovo anche il numero di telefono (0543/733442). Al taglio del nastro sono intervenuti anche il sindaco Gian Luca Zattini, affiancato da una delegazione della giunta, Stefano Boni, direttore del Distretto di Forlì, e l'amministratore unico di Forlifarma, Franco Sami.

"Con i nuovi spazi - aveva illustrato il coordinatore del Nucleo di Cure Primarie 2, Ragazzini – sarà potenziato ulteriormente l'ambulatorio per i diabetici, ne sarà istituito uno per  la bronchite cronica, munito di spirometro. E poi si guarda ancora più avanti:  "Sperimentare un ambulatorio per gravità e non per patologia, dato che molte patologie si sovrappongono per i cronici, un ambulatorio quindi per pazienti complessi". Sarà potenziato anche il personale infermieristico e la segreteria. Lo scopo è quello di sperimentare “modelli funzionanti in vista della Casa della Salute". A finanziare la "rivoluzione" che sarà sperimentata al nucleo di cure primarie 2 è Forlifarma, la società pubblica di gestione delle farmacie comunali, proprietaria dell'immobile di viale Risorgimento in cui si trova il nucleo medico. Anche la farmacia sottostante, la 'Comunale Zona Iva' è stata ampliata.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento