Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I nodi del centro storico, Gli ambientalisti: "Partire con percorsi pedonali turistici"

Secondo gli ambientalisti, occorre "qualificare con alta pedonalizzazione entro il 2019 le piazze Cavour, Duomo e Ordelaffi (dove la residenzialità è bassissima) ed i percorsi che da Piazza Cavour portano al San Domenico"

 

Il Tavolo delle Associazioni Ambientaliste di Forlì chiede all'amministrazione comunale un incontro alla presenza delle associazioni di categoria e quartieri per programmare gli interventi sul centro storico. Sono tre gli obiettivi condivisi per il rilancio del cuore della città mercuriale: promozione turistico-culturale-enogastronomica, incentivazione alla residenza, e incentivazione al commercio di qualità ed all’artigianato di servizio. Secondo gli ambientalisti, occorre "qualificare con alta pedonalizzazione entro il 2019 le piazze Cavour, Duomo e Ordelaffi (dove la residenzialità è bassissima) ed i percorsi che da Piazza Cavour portano al San Domenico".

Chiedono di "promuovere la residenza ai piani terra ed ai primi piani dei fabbricati (e relative autorimesse), con incentivi economici e snellimento burocratico per la rifunzionalizzazione interna delle residenze, previa analisi storico- architettonica degli immobili del centro". Quindi "utilizzare al massimo gli spazi esistenti per parcheggio (viale Vittorio Veneto, Portici e altri presenti lungo tutto il perimetro del centro)". A parere del Tavolo delle Associazioni Ambientaliste, "con un potenziamento del trasporto pubblico con navette o bus elettrici, cui devolvere primariamente i finanziamenti, si potrebbero evitare nuovi posti auto".

Inoltre viene chiesto di "riqualificare i quattro principali corsi, a partire da Corso della Repubblica e Corso Mazzini; ed elaborare ed attuare un piano dell’arredo e del decoro, nonché della sicurezza". Per il Tavolo "i suddetti punti costituiscono una base di partenza oggettivamente riscontrabile dai documenti, qualificherebbero il centro sotto tutti i profili, sono attuabili in tempi ragionevoli e non pregiudicano in alcun modo ipotesi di lavoro successive".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento