Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Ex negozio si trasforma in una galleria d'arte: decolla il rilancio di Corso Mazzini

Sabato inaugurerà il primo spazio dove gli artisti forlivesi potranno organizzare le loro esposizioni: "Sarà una galleria d'arte con la collaborazione di Maf e Forlì in arte"

 

Svelata l'ultima azione del progetto “Il bello che non ti aspetti” che vedrà sabato l'apertura del primo negozio sfitto assegnato gratuitamente in gestione a realtà creative che si sono messe in gioco per rilanciare il quartiere. Spiega Donatella Piccioni dell'associazione "La materia dei sogni": "Riattivare dei negozi sfitti vuole dire portare persone in centro, presidiare la città e fare delle attività culturali. E' stata effettuata una mappatura dei negozi dei proprietari disponibili a dare in uso i loro spazi gratis a disposizione delle associazioni".

E sabato inaugurerà il primo spazio dove gli artisti forlivesi potranno organizzare le loro esposizioni: "Sarà una galleria d'arte con la collaborazione di Maf e Forlì in arte". Ma altri ex negozi stanno per rinascere nella galleria di Corso Mazzini: uno ospiterà una compagnia teatrale, mentre l'altro le opere realizzati dai ragazzi della "Don Pippo". Una nuova associazione nata dal progetto "Il bello che non ti aspetti" occuperà un altro spazio del Corso, dove insieme ad altre ad associazioni si occuperanno di progetti per bambini. Entro fine mese inoltre nascerà un'associazione di genitori adottivi, che collaborerà con un'associazione di aeromodellismo.

galleria-arte-corso-mazzini-gruppo-ravaioli-drei-2

galleria-arte-corso-mazzini-ravaioli-2

galleria-arte-corso-mazzini-2

Potrebbe Interessarti

  • Tragico schianto in moto: muore un 28enne, fidanzata in prognosi riservata - VIDEO

  • Le azdore sono le protagoniste della web serie di Paolo Cevoli - IL VIDEO

  • I manifestanti per il clima si incatenano, per liberarli servono le chiavi date ai politici

  • Cintorino: "L'obiettivo è riportare in centro i forlivesi, con più sicurezza e meno incuria"

Torna su
ForlìToday è in caricamento