rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024

"Ascesa e caduta di Raul Gardini": uno dei misteri d'Italia raccontato dall'autore Matteo Cavezzali

Protagonista dell'incontro è stato il ravennate Matteo Cavezzali, giornalista e autore di testi teatrali, oltre che direttore artistico di ScrittuRa Festival

Venerdì si è svolto il primo appuntamento del 2019 al Palazzo del Monte di Pietà di Forlì (in corso Garibaldi, 45), con la rassegna "Incontri a Palazzo", dedicata dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì a promuovere gli autori ed editori locali. Protagonista dell'incontro è stato il ravennate Matteo Cavezzali, giornalista e autore di testi teatrali, oltre che direttore artistico di ScrittuRa Festival. Con il suo "Icarus. Ascesa e caduta di Raul Gardini", vincitore del Premio Volponi Opera Prima 2018 (il più importante premio letterario italiano per libri di “impegno civile”) Cavzzali cerca di riannodare i fili di una delle tante storie italiane avvolte nel mistero, quella appunto del noto imprenditore romagnolo. 

Icarus è una storia di fantasmi. Di un uomo, Gardini, che si ritrovò a capo di un colosso finanziario e da lì sfidò il mondo, con i suoi progetti visionari e le sue follie sportive. Di una città, Ravenna, che per un breve periodo tornò agli splendori dell’impero bizantino. E di un ragazzo, Matteo, che ha nutrito per anni l’ossessione di scrivere un libro: su Gardini, sulla sua città, sulle macerie che, dopo ogni caduta o crollo, seppelliscono i vinti e i loro segreti. Senza appiattirsi nella mera inchiesta giornalistica, giocando tra biografa e autobiografia, cronaca e finzione, Cavezzali compone un mosaico emozionante dal quale mancherà sempre una tessera, come dalla verità. Restano soltanto le narrazioni della sventura e dell’infamia. Le case degli spettri, gli aerei schiantati, il cemento di Cosa Nostra, gli affari del secolo sfumati, l’utopia della benzina verde e della plastica biodegradabile, le salme rapite e i cadaveri nelle carceri, le valigette sparite e le pistole cambiate di posto. E su tutto la vertigine del vento in poppa e la malinconia di un’ultima regata.

Video popolari

ForlìToday è in caricamento