Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Omicidio Ruffilli, trent'anni dopo. Il pm che condusse le indagini: "A Forlì si pose fine al terrorismo"

IL DELITTO - A distanza di trent'anni il pubblico ministero dell'epoca, Roberto Mescolini, rilascia per la prima volta una video-intervista, per raccontare le indagini e il processo. La prima puntata è sul delitto

 

Per il trentesimo anniversario dell'assassinio di Roberto Ruffilli, Forlì vedrà la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il 16 aprile del 1988 venne ucciso nella sua casa di corso Diaz il senatore della Dc Roberto Ruffilli, fu uno degli ultimi omicidi firmati dalle Brigate Rosse per il Partito Comunista Combattente. A distanza di trent'anni il pubblico ministero dell'epoca, Roberto Mescolini, rilascia per la prima volta un'intervista in video, per raccontare le indagini e il processo e documentare così uno dei momenti più delicati della storia recente italiana e uno dei più salienti della storia di Forlì. ForlìToday lo ha intervistato nella sala d'udienza del processo Ruffilli, la Corte d'Assise del Tribunale di Forlì, davanti alle gabbie che vennero montate apposta per contenere in sicurezza i 12 brigatisti rossi accusati del delitto. Cosa trovò sul luogo del delitto, come si svilupparono le indagini, i loro punti morti e le loro accelerazioni: Mescolini lo spiega nella prima delle tre "puntate" dedicate alla sua video-intervista.

Lo speciale di ForlìToday
LA PRIMA PUNTATA - Mescolini: "A Forlì in quest'aula si pose fine alle Br"
LA SECONDA PUNTATA - il pm: "Ruffilli in ginocchio, come doveva essere lo Stato per le Br"
LA TERZA PUNTATA - I forlivesi vennero in massa a testimoninare, dicevano 'Basta morte'
LA QUARTA PUNTATA - I giorni dopo tra funerali e scioperi. Zelli: "Da qui sorse l'università" 
LA QUINTA PUNTATA - Ruffilli, l'uomo, il romagnolo, il fedele all'ultima fila a messa
LA SESTA PUNTATA - Il pensiero di Ruffilli: "Sosteneva l'alternanza e faceva paura alle Br"

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento