rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023

Roberto Ruffilli, la sua eredità politica: "Sosteneva l'alternanza e convinceva: faceva paura alle Br"

ROBERTO RUFFILLI: L'EREDITA' POLITICA E IL PENSIERO - Per il trentesimo anniversario dell'assassinio di Roberto Ruffilli, prosegue lo speciale di ForlìToday con le video-interviste ai personaggi che conobbero il senatore forlivese. Dopo il pubblico ministero Roberto Mescolini Forlì, Gabriele Zelli e Piergiuseppe Bertaccini, il professor Pierangelo Schiera, presidente della Fondazione Roberto Ruffilli, traccia il quadro del pensiero e dell'azione politica del senatore trucidato dalle Br. L'idea di un "cittadino come arbitro" poneva le basi di una democazia dell'alternanza, un'idea - spiega Schiera - che faceva terribilmente paura alle Br, che si nutrivano invece di contrapposizioni. Lunedì 16 aprile Forlì vedrà la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per commemorare il trentennale. Nella sua casa di corso Diaz il senatore della Dc Roberto Ruffilli fu la vittima di uno degli ultimi omicidi firmati dalle Brigate Rosse per il Partito Comunista Combattente. 

Lo speciale di ForlìToday
LA PRIMA PUNTATA - Mescolini: "A Forlì in quest'aula si pose fine alle Br"
LA SECONDA PUNTATA - il pm: "Ruffilli in ginocchio, come doveva essere lo Stato per le Br"
LA TERZA PUNTATA - I forlivesi vennero in massa a testimoninare, dicevano 'Basta morte'
LA QUARTA PUNTATA - I giorni dopo tra funerali e scioperi. Zelli: "Da qui sorse l'università" 
LA QUINTA PUNTATA - Ruffilli, l'uomo, il romagnolo, il fedele all'ultima fila a messa

Video popolari

Roberto Ruffilli, la sua eredità politica: "Sosteneva l'alternanza e convinceva: faceva paura alle Br"

ForlìToday è in caricamento