Scritte sui muri, non è solo la facciata del Duomo: vicoli del centro in preda al degrado

Una scritta vergata domenica notte con la vernice nera sulla facciata del Duomo riporta alla ribalta il problema dei muri imbrattati nei vicoli del centro storico. Il vandalismo fatto domenica notte, con un messaggio di natura politica, ben visibile sulla facciata della principale chiesa della città non è altro infatti che la punta dell'iceberg di una situazione di degrado che ormai non esclude nessuna delle strade secondarie del centro storico di Forlì. Bastano pochi passi per fare il giro del Duomo e andare sul retro della chiesa, in via Santa Croce, per scoprire un panorama desolante fatto di scarabocchi in vernici di tutti i colori. Scritte che non hanno neanche un significato, non che questo sia un'attenuante. I vandalismi si moltiplicano in via Pisacane, via degli Orgogliosi, via Leone Cobelli. Ogni angolo, vetrina o saracinesca è stata di fatto deturpata. I costi di pulizia sono a carico dei privati proprietari degli immobili. E non mancano, come sempre purtroppo, anche rifiuti ingombranti abbandonati. Ultimamente - complice anche il clima politico degli ultimi mesi – si stanno moltiplicando pure le scritte sui muri di natura politica, ad opera di gruppi politici radicali. E proprio con questo proposito è stato compiuto l'ultimo raid vandalico in ordine di tempo, con il deturpamento della facciata del Duomo, accompagnato da un volantino di rivendicazione affisso sulle colonne della chiesa. Quest'ultima scritta – viene spiegato dalla parrocchia – non è stata ancora rimossa in attesa delle indicazioni della esigenze investivative della Questura, che speriamo almeno arrivino con celerità per poter ripristinare il muro su piazza del Duomo.

Si parla di

Video popolari

Scritte sui muri, non è solo la facciata del Duomo: vicoli del centro in preda al degrado

ForlìToday è in caricamento